Affitti brevi, se hai più di 4 alloggi è un’impresa. Ecco cosa cambia

21 Feb

 

Hai una casa al mare che vuoi affittare per le vacanze oppure un appartamento che non usi perché vivi lontano e vorresti metterlo in affitto per brevi periodi? Da quest’anno cambiano le regole: se hai più di 4 case, la tua attività è considerata un’impresa a tutti gli effetti. A deciderlo è l’emendamento al decreto Agosto (Dl 104/2020) votato al Senato e alla Camera lo scorso ottobre e che entra in vigore dal 2021.

IL NUOVO REGIME FISCALE – Chi si dedica al settore degli affitti brevi perché ha un immobile che non usa o perché vuole affittare online la casa al mare dei genitori o dei nonni da quest’anno dovrà fare attenzione al numero delle proprietà che gestisce. La norma prevede, infatti, che oltre la soglia dei quattro appartamenti l’attività viene considerata in forma di impresa. Tale regola vale anche se i contratti sono stipulati tramite agenti immobiliari o portali internet.

COSA CAMBIA – Con il nuovo regime fiscale, i locatori che hanno più di quattro immobili che destinano agli affitti brevi saranno considerati imprenditori perdendo, di fatto, la possibilità di applicare la cedolare secca del 21%. A questo, naturalmente, faranno seguito gli altri obblighi contabili, amministrativi e fiscali propri delle imprese, come, ad esempio, la necessità di aprire una partita Iva individuale o costituire una società.

L’emendamento di ottobre, dunque, applica un criterio quantitativo (e non qualitativo, come l’acquisizione di un ufficio, di dipendenti o l’offerta di servizi) alla definizione di impresa. Chi affitta più di quattro case in un anno è ritenuto un imprenditore, indipendentemente dal numero di notti o dal volume dei ricavi. 

IL PROVVEDIMENTO – L’emendamento al decreto Agosto (Dl 104/2020) è stato prima votato in commissione Bilancio al Senato e successivamente approvato da entrambe le Camere in Parlamento lo scorso ottobre. La norma di riferimento è l’articolo 4 del Dl 50/2017 che ha introdotto l’obbligo di ritenuta a carico degli intermediari – contestata e non applicata da Airbnb, Booking e altri portali– e che ha disciplinato la possibilità di applicare la cedolare secca del 21%, anche nei casi di sublocazioni brevi e “locazioni” effettuate dai comodatari.

L’obiettivo è quello di tutelare il consumatore (gli affittuari) e la concorrenza (gli albergatori e le strutture ricettive), contenendo il fenomeno delle locazioni brevi. Quest’ultime dimostrano un appeal sempre maggiore da parte dei vacanzieri, che vi trascorrono stupende esperienze di viaggio, risultando spesso preferite.

SE SEI PROPRIETARIO – Se hai una casa che vuoi affittare per le vacanze, compila questo form per contattare il nostro portale: possiamo creare un’ottima immagine digitale della tua proprietà, pubblicizzandola sui migliori mercati di riferimento ed assistendoti in tutti gli aspetti (sia operativi, che legali e fiscali).

Per ulteriori info

scrivici a info@villesalento.it

oppure chiamaci: (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: