Archivio | aprile, 2021

Unesco World Heritage Site, Puglia’s wonderful sites

25 Apr

What have Alberobello, Castel Del Monte, Basilica of San Michele Arcangelo and Umbra Forest in common? Well, apart from the fact that they are all situated in Puglia, not everyone knows that the four locations are included in the Unesco list as a World Heritage Site.

The natural, cultural and historical beauty of Puglia is often under the eyes of the visitors who every year choose to spend their holiday here. But in this case, the uniqueness of the places is formally certified by Unesco. The identification, protection and transmission to the future generations of the cultural and natural heritage of the whole world are among the main missions of UNESCO. 

ALBEROBELLO – Inserted in the Unesco list since 1996, Alberobello is truly unique in the world for its cone-shaped buildings. These are ancient houses with a cone-shaped roof made with exposed stones, built with the “muretto a secco” technique and whitewashed with quicklime. Crosses, pierced hearts and zodiac symbols decorate the top of each trullo.

The Trulli of Alberobello

In the Rione Monti, about 1000 trulli wind through the narrow alleys, among which the “Siamese trulli” stand out, with their original two-cone roof, the Church of Sant’Antonio and the Trullo Sovrano. Do not miss the Territory Museum, housed in a complex of communicating trulli, and the House of Love, today a tourist information point, the first building in the entire town, built with lime and mortar.

CASTEL DEL MONTE – Full of symbolism and unique in its kind, the fortress, in the shape of an octagonal crown, is the expression of the eccentric genius of Frederick II of Swabia, who had it built in a Gothic and Norman style. It is now well known that the recurrence of the number 8, in the form of the rooms and in numerous details, is no a coincidence, which is why the Castle is considered by some to be an esoteric monument.

Located at 540 meters above sea level, on a gentle hill about 20 km from Andria, the manor offers a breathtaking view of the sunset. The fortress, included in the UNESCO list since 1996, was perhaps used as an astronomical observatory or an imposing hunting lodge.

BASILICA DI SAN MICHELE ARCANGELO – Kept within the small town of Monte Sant’Angelo in Foggia, the Basilica of San Michele is a precious testimony of Lombard art in Italy. A staircase carved into the rock leads to the “Grotta sacra”, the place where the Archangel appeared and today a famous pilgrimage destination.

In the Junno district, the oldest part of the village, you get lost in the alleys where you can breathe the scent of the tradition of the typical “stuffed hosts”: sweets stuffed with almonds and honey. Do not miss the visit to the Norman castle, residence of Frederick II, the Tomb of Rotari and the complex of San Francesco. While 8 km from the town, among dozens of hermitages carved into the rock, stands the Abbey of Santa Maria di Pulsano, perched on a spike overlooking the gulf.

UMBRA FOREST – In spite of the name, the beech woods of the Umbra forest, in the heart of the Gargano promontory, have nothing to do with the region of central Italy, but owe their name to the Latin derivation of “umbra”, that means dark and shady.

SONY DSC

In the Unesco list since 2017, the area of ​​beech forests, which extends for a perimeter of 399 hectares, is part of a natural heritage of high ecological, historical and cultural value: the majestic plants are among the oldest in Europe and reach a height of almost 50 meters. The site also boasts another prestigious recognition: the inclusion in the list of the five most beautiful woods in the world by the National Geographic magazine.

If you want to visit Salento and spend your holiday in wonderful houses or villas, click below:

Holiday houses –> www.casesalento.com   

Holiday villas –> www.villesalento.it              

For further information:

e-mail –> info@villesalento.it

phones –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Patrimonio dell’Unesco, la Puglia presente con 4 siti imperdibili

24 Apr

Cosa hanno in comune Alberobello, Castel Del Monte, la Basilica di San Michele Arcangelo e la Foresta Umbra? Beh, a parte il fatto che si trovano tutte in Puglia, forse non tutti sanno che i quattro siti sono inseriti nella lista Unesco come Patrimonio dell’Umanità.

La bellezza naturale, culturale e storica della Puglia è spesso sotto gli occhi degli attenti visitatori che ogni anno scelgono di trascorrere un periodo di vacanza in una delle regioni più a Sud d’Italia. Ma in questo caso, l’unicità dei luoghi è formalmente certificata dal riconoscimento del prestigioso ente internazionale delle Nazioni Unite. 

L’identificazione, la protezione, la tutela e la trasmissione alle generazioni future del patrimonio culturale e naturale di tutto il mondo sono tra le missioni principali dell’UNESCO. Non solo bellezze naturali, ma anche culturali costituiscono il patrimonio da tutelare e tramandare alle generazioni future secondo il celebre ente.

ALBEROBELLO – Inserita nella lista Unesco dal 1996, Alberobello è davvero unica in tutto il mondo per la distesa delle caratteristiche costruzioni a forma di cono. Si tratta di antiche abitazioni con il tetto a forma di cono fatto con pietre a vista, edificate con la tecnica del muretto a secco e imbiancate con calce viva. Croci, cuori trafitti e simboli zodiacali decorano la cima di ogni trullo.

The Trulli of Alberobello

Nel Rione Monti, fra i vicoli stretti si snodano circa 1000 trulli, fra cui svettano i “trulli siamesi”, dall’originale copertura a due coni, la Chiesa di Sant’Antonio con pianta a croce greca e il Trullo Sovrano. Da non perdere il Museo del Territorio, ospitato in un complesso di trulli comunicanti, e la Casa d’Amore, oggi prezioso punto d’informazione turistica, primo edificio nell’intera cittadina, costruito con calce e malta. 

CASTEL DEL MONTE – Piena di simbolismi e unica nel suo genere, la fortezza, a forma di corona ottagonale, è l’espressione del genio eccentrico di Federico II di Svevia, che l’ha fatta edificare secondo uno stile gotico e normanno. Ormai è ben noto che la ricorrenza del numero 8, nella forma delle stanze e in numerosi dettagli, non sia un caso, motivo per cui il Castello è considerato da alcuni alla stregua di un monumento esoterico.

Posto a ben 540 metri sul livello del mare, su una dolce collina a circa 20 km da Andria, il maniero offre una visione mozzafiato del tramonto. La fortezza, inserita nella lista Unesco nel 1996, fu utilizzata forse come osservatorio astronomico o imponente maniero di caccia.

BASILICA DI SAN MICHELE ARCANGELO – Custodita all’interno del piccolo comune del foggiano di Monte Sant’Angelo, la Basilica di San Michele è una preziosa testimonianza dell’arte longobarda in Italia. Una scalinata scavata nella roccia conduce nella Sacra Grotta, luogo dell’apparizione dell’Arcangelo e famosa meta di pellegrinaggio. 

Nel quartiere Junno, la zona più antica del borgo, ci si perde fra i vicoli dove si respira il profumo della tradizione delle tipiche “ostie ripiene”, ovvero dolcetti farciti di mandorle e miele. Imperdibile la visita al castello normanno, residenza di Federico II, la Tomba di Rotari e il complesso di San Francesco. Mentre a 8 km dal centro abitato, tra decine di eremi scavati nella roccia, sorge l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano, arroccata su uno spuntone affacciato sul golfo.

FORESTA UMBRA – A dispetto del nome, le faggete della foresta Umbra, nel cuore del promontorio del Gargano, non hanno nulla a che vedere con la regione dell’Italia centrale, ma devono il nome dalla derivazione latina di “umbra”, ovvero cupa e ombrosa.

SONY DSC

Inserita nella lista Unesco dal 2017, l’area delle faggete, che si estende per un perimetro di 399 ettari, fa parte di un patrimonio naturale dall’alto valore ecologico, storico e culturale: le maestose piante sono tra le più vecchie d’Europa e raggiungono un’altezza di quasi 50 metri. Il sito, inoltre, vanta un altro prestigioso riconoscimento: l’inserimento nella lista tra i cinque boschi più belli al mondo da parte della celebre rivista National Geographic.

Per venire in Salento in una delle nostre soluzioni, visitate i siti:

Sito web case vacanza –> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

Oppure chiedeteci informazioni:

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Salento means not only sea, let’s discover Corigliano D’Otranto and Specchia

18 Apr

Corigliano D’Otranto and Specchia: what have the two small villages of Salento in common? Not everyone knows it, but these two locations have been awarded by the “Bandiera arancione”, the award given by the Touring Club (an italian association which promote the beauties of Italy) to of the inland municipalities for their excellence.

Everyone knows that Salento is famous above all for its beaches, but those who come on holiday here certainly notices how much beauty and tradition there is, even in the small villages far from the coast, full of history and tradition.

“Bandiera Arancione”, awarded since 1998, is a tourist-environmental quality mark. Beauty of the historical-cultural heritage and quality in welcoming tourists have made Specchia and Corigliano d’Otranto the two of the most beautiful villages of Apulia.

CORIGLIANO D’OTRANTO – One of the most characteristic villages of Grecìa Salentina, thanks to the typical courtyard houses that embellish the old town and cultural centre, thanks to the activities that take place inside Castello De’ Monti, an ancient manor with a noble baroque facade.

Just 25 km from Lecce, the richness of the traditions of the small town is even reflected in the local language, the griko, an ancient legacy of the Hellenic domination. The names of the streets are also of Byzantine derivation. The Lucchetti Arch, which surmounts the entrance to a small courtyard, tells, through the Byzantine symbols carved in stone, the love of a man for his bride.

SPECCHIA – The small town in southern Salento (about 54 km from Lecce) already boasts a prestigious award, namely the mention among the “most beautiful villages in Italy”. In fact, walking through the sunny streets, where time seems to have stopped and where life passes slowly, it is not hard to understand why the village has earned these awards.

A maze of intricate alleys, courtyard houses with balconies in bloom and crossroads embellished with traditional niches with saints: the historic center of Specchia, now a widespread hotel, is an experience for the eyes!

The most famous buildings to seal this splendor are Risolo Castle, the Convent of the Black Franciscans and the Column of Immunity, so called because it was enough to touch it to not being arrested. A town with a thousand virtues, Specchia is known for its quality of life, for the use of renewable sources and for its underground oil mills.

To find out where to stay to visit these and other villages in Salento, take a look here:

Holiday houses –> www.casesalento.com   

Holiday villas –> www.villesalento.it            

For further information:

e-mail –> info@villesalento.it

phones –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Il Salento non è solo spiagge, Corigliano D’Otranto e Specchia “Bandiere arancioni”

17 Apr

Corigliano D’Otranto e Specchia: cosa hanno in comune i due piccoli borghi del Salento distanti una trentina di km l’uno dall’altro? Non tutti lo sanno, ma queste due località si sono aggiudicate la “Bandiera Arancione”, il premio per l’eccellenza dei comuni dell’entroterra assegnato dal Touring Club.

Ebbene sì, il Salento è famoso soprattutto per le spiagge e per i chilometri di costa, ma a chi viene in vacanza nel Tacco d’Italia non sarà sfuggito di notare quanta bellezza e tradizione ci sia anche nei piccoli borghi, quelli lontani dalla costa, pieni di storia e di tradizione.

La “Bandiera arancione”, assegnata dal 1998, è marchio di qualità turistico-ambientale. Bellezza del patrimonio storico-culturale e qualità nell’accoglienza dei turisti hanno fatto di Specchia e Corigliano d’Otranto i due fra i borghi più belli di tutta la Puglia.

CORIGLIANO D’OTRANTO – Uno dei comuni più caratteristici della Grecìa Salentina, grazie alle tipiche case a corte che impreziosiscono il centro storico e fulcro culturale salentino di grande fermento, grazie alle attività che si svolgono all’interno del Castello De’ Monti, antico maniero dalla nobile facciata barocca. 

A soli 25 km da Lecce, la ricchezza delle tradizioni del piccolo comune si rispecchia persino nella lingua locale, il griko, antica eredità della dominazione ellenica. Di derivazione bizantina sono anche i nomi delle vie. L’Arco Lucchetti, che sormonta l’entrata di una piccola corte, racconta, attraverso i simboli bizantini intagliati nella pietra, l’amore di un uomo per la sua sposa.

SPECCHIA – Il piccolo comune del Sud Salento (circa 54 km da Lecce) vanta già un prestigioso riconoscimento, ovvero la menzione fra i “Borghi più belli d’Italia”. In effetti, passeggiando per le assolate viuzze, dove il tempo sembra essersi fermato e dove la vita scorre lenta, non si fa fatica a capire perché il borgo si sia meritato questi riconoscimenti. 

Un dedalo di vicoli intricati, di case a corte dai balconi in fiore e di incroci impreziositi dalle tradizionali nicchie con i santi: il centro storico di Specchia, oggi albergo diffuso, è un’esperienza per gli occhi! 

A suggellare questo splendore gli edifici più famosi: Castello Risolo, il Convento dei Francescani Neri e la Colonna dell’Immunità, così chiamata perché bastava toccarla per garantirsi l’immunità dall’arresto. Comune dalle mille virtù, Specchia è nota per la sua qualità della vita, per l’uso di fonti rinnovabili e per i frantoi ipogei. 

Per scoprire dove soggiornare per visitare questi e altri borghi del Salento, date un’occhiata qui:

Sito web case vacanza –> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

Oppure chiedeteci informazioni:

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Salento, things to do if you’re here on holidays in May

11 Apr

Mild temperatures, long days and good weather: May is the prelude to summer. So what could be better than anticipating your holidays and visiting Salento?

Questo slideshow richiede JavaScript.

For those who dream of the beach and the sea, they could enjoy the most enchanting places without the overcrowding. In May, apart from sunbathing, there are a lot of things to do for those who’d like to know better the traditions of this land. Continua a leggere

Salento, cosa fare se siete in vacanza a Maggio

10 Apr

Temperature miti, giornate lunghe e bel tempo: Maggio è il preludio dell’estate. Cosa c’è di meglio, quindi, di anticipare le vacanze e visitare il Salento?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chi sogna un soggiorno tutto spiagge e mare potrà godersi i posti più incantevoli. Oltre alla tintarella, però, a Maggio, ci sono un sacco di cose da fare per chi vuole conoscere e vivere da vicino le tradizioni di questa terra.

Tour enogastronomici e percorsi cicloturistici a contatto con la natura sono alcune delle attività che amerete fare se venite in vacanza nel Salento a maggio.

Le temperature ancora non troppo calde vi permetteranno inoltre di fare delle escursioni alla scoperta dei parchi naturali del Salento. E così, dopo un tuffo nelle acque cristalline potete perdervi nel verde della Macchia Mediterranea e osservare specie di fiori e animali che crescono sul territorio.

Raccomandiamo anche le visite ai borghi di Corigliano D’Otranto e Specchia, comuni insigniti della “Bandiera Arancione” del Touring Club Italiano.

Lecce, il capoluogo barocco, merita una visita anche in questa stagione. Con le sue bellezze architettoniche disseminate per il centro storico della città, la capitale del Barocco vi regalerà dei percorsi inediti fra chiese, monumenti e stradine impreziosite da piccoli negozi di artigianato e locali.

Lecce

 

Per informazioni su dove alloggiare, vi consigliamo alcune ville/case vacanze ideali per il vostro soggiorno:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Natural oasis of Salento: the park of “Porto Selvaggio e Palude del Capitano”

4 Apr

A dense forest of pines, a cliff overlooking the emerald green of the sea is the panorama that can be admired from the Park that extends around the area of ​​the homonymous bay of Porto Selvaggio for 7 km of coastline and 1500 hectares of surface, in the area of ​​the municipality of Nardò.

The Natural Park was established in 2006 in an area on the sea affected by various reforestation interventions that began in the 1950s. First barren and rocky, today the landscape is characterized by the presence of a dense pine forest inserted in the splendid setting of the Ionian Sea.

The vegetation of the wood is characterized by Aleppo pines, some specimens of cypresses and eucalyptus and by the presence of an undergrowth with wild myrtle, olive trees and spontaneous local vegetation (Macchia Mediterranea), including orchids and rosemary.

Do not fail to spot species such as foxes, weasels, hedgehogs, chameleons and, during the migration period, even the blackbird, thrush and hoopoe in addition to the lesser kestrel and the kestrel.

A few meters from the coast you can also visit the Palude del Capitano where the karst phenomenon has given rise to the “spunnulate”, or caves whose vault has collapsed, forming lakes of brackish water. To find out other natural parks in Salento, read here.

For your holidays, you can stay in one of these houses:

Holiday houses –> https://www.villainpuglia.it/EN/affitti_vacanze/Sant%20Isidoro

For further information:

e-mail –> info@villesalento.it

phones –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Tornare a viaggiare presto con il passaporto vaccinale ed individuando chi non può contagiare

3 Apr

Più di 3 milioni di persone vaccinate e quasi 10 milioni di italiani che hanno già ricevuto la prima dose: sono questi i numeri che, se in costante crescita, ci porteranno fuori dal tunnel della pandemia. Nonostante il ritorno alle numerose restrizioni di queste settimane per via della terza ondata di contagi da Covid-19, possiamo intravedere una via di uscita che ci incoraggia a pianificare il futuro prossimo. La campagna vaccinale sta procedendo e con essa si rende sempre più necessaria e urgente l’entrata in vigore del passaporto vaccinale che consentirà alle persone già immuni di tornare a viaggiare in sicurezza. Oltre ad essa, sarebbe importante capire se chi ha già contratto il covid sia in grado o meno di contagiare, perché qui la platea si allargherebbe ulteriormente…

Il Ministro della Salute Roberto Speranza tende la mano all’intero comparto del turismo che può guardare all’immediato futuro con fiducia. L’aumento progressivo del numero di vaccinati nei prossimi mesi avrà un impatto significativo sulla curva dei contagi e potrebbe consentire presto nuove aperture e meno limitazioni agli spostamenti.

“La campagna di vaccinazione è il fattore di svolta che mi porta ad essere più ottimista. Confido in un’estate diversa dai giorni che stiamo vivendo ora” – ha affermato il Ministro in un’intervista al Messaggero. L’altra novità che accompagnerà l’aumento degli immunizzati sarà l’entrata in vigore del passaporto vaccinale, fondamentale per tornare a viaggiare presto e in sicurezza. Anche questo provvedimento dovrebbe essere emanato entro l’estate.

“A livello europeo si sta lavorando ad un Green pass connesso prima di tutto alle vaccinazioni” – ha spiegato Speranza. Virtuoso è l’esempio della Regione Lazio che ha iniziato ad emettere certificati vaccinali (senza però ancora nessun utilizzo specifico) ai suoi residenti che si sono sottoposti al richiamo del vaccino. In questo senso sono tanti i Paesi che hanno già adottato il passaporto sanitario come metodo per tracciare coloro che sono immunizzati e che possono spostarsi con più facilità. 

Pasqua 2021 arriva in un momento ancora delicato, ma che racchiude in sé i germogli della speranza che sbocceranno nei prossimi mesi. Lo staff di Ville Salento vi augura una felice Pasqua con l’auspicio di ricominciare a viaggiare presto!

Sito web case vacanza –> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

Oppure chiedeteci informazioni:

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Oasi del Salento, il parco naturale “Porto Selvaggio e Palude del Capitano”

3 Apr

Un fitto bosco di pini, una scogliera affacciata sul verde smeraldo del mare è il panorama che si ammira dal Parco che si estende attorno all’area dell’omonima baia di Porto Selvaggio per 7 km di costa e per 1500 ettari di superficie, nell’area del comune di Nardò. 

Il Parco Naturale è stato istituito nel 2006 in un’area sul mare interessata da vari interventi di riforestazione iniziati negli anni ’50. Prima brullo e roccioso, oggi il paesaggio è caratterizzato dalla presenza di una fitta pineta inserita nella splendida cornice del Mar Ionio.

La vegetazione del bosco è caratterizzata dai pini di Aleppo, alcuni esemplari di cipressi e di eucalipto e dalla presenza di un sottobosco con piante selvatiche di mirto, ulivo e macchia mediterranea spontanea tra cui orchidee e rosmarino.

Non manca di avvistare specie come volpi, donnole, ricci, camaleonti e, durante il periodo della migrazione, anche il merlo, il tordo e l’upupa oltre al falco grillaio e al gheppio.

A pochi metri dalla costa si può visitare anche la Palude del Capitano dove il fenomeno carsico ha dato origine alle “spunnulate”, ovvero grotte a cui è crollata la volta formando dei laghetti di acqua salmastra. Per scoprire gli altri parchi naturali del Salento, leggi qui.

Qui, qualche consiglio su dove soggiornare nelle vicinanze: 

Sito web case vacanza –> https://www.villainpuglia.it/IT/affitti_vacanze/Sant%20Isidoro

Oppure chiedeteci informazioni:

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: