Archivio | luglio, 2021

“Routes of taste” in Salento: Zollino, Spongano, Seclì e Ortelle

18 Lug

In local inns or in the most elegant restaurants, the typical cuisine of Salento is a real art that is celebrated on every self-respecting table. From fish dishes, in coastal resorts, to grilled meat typical of the hinterland, you will only have to choose and you will discover, through the flavors, a fundamental part of this land. In this “road map of taste” we advise you where to go and what to eat.

ZOLLINO – In the countryside of Zollino, the selection of the seeds by local farmers has made it possible to preserve some particular types of legumes that enjoy the De.Co. “Pisello nano” and broad bean (with a more flattened appearance and a pod with no more than 5 seeds) are included in the traditional agri-food productions of the Apulia Region. Also famous are chickpea, black chickpea, lentils and white beans.

But Zollino is not just a land of legumes. The symbol of this village is the “scéblasti”, a dough of bread seasoned with courgettes, olives, onions, capers and chilli which in griko means “without shape”.

SPONGANO – It is the homeland of “cunserva mara“, a tasty homemade preserve obtained from the sun drying of sweet peppers, hot peppers and tomatoes, which are then mixed in a perfect sauce to be spread on wheat bread or bruschetta.

SECLI’– It is the village famous for the “bits” of horse meat, to which a festival is dedicated every year after August 15th. The main course is accompanied by other recipes, always based on horse meat, prepared by the butchers of the town.

ORTELLE – In October Ortelle, on the occasion of the feast of San Vito, celebrates the pig Or.Vi., raised according to ancient methods following a specific protocol. The result is a delicate and tasty meat, with which sausage, ribs, skewers and capocollo are packaged for grilling or boiled or with sauce. Typical of Ortelle is also the “pirilla”, a homemade bread flavored with pieces of tomato, pumpkin, onion, black olives and, sometimes, raisins.

To find out where to stay to visit these and other villages in Salento, take a look here:

Holiday houses –> https://www.villainpuglia.it/EN/Home

Holiday villas –> https://www.villesalento.it/index.html#/    

For further information:

e-mail –> info@villesalento.it

phones –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

I percorsi del gusto nel Salento: Zollino, Spongano, Seclì, Ortelle

17 Lug

Nelle trattorie di paese o nei ristoranti più eleganti, la cucina tipica del Salento è una vera e propria arte che viene celebrata su ogni tavola che si rispetti. Dai piatti di pesce, immancabili nelle località costiere, alla carne alla griglia tipici dell’entroterra, non avrete che da scegliere e scoprirete, attraverso i sapori, una parte fondamentale del territorio. In questa “road map del gusto” vi consigliamo dove andare e cosa mangiare.

ZOLLINO – Nelle campagne di Zollino, la selezione della semente ad opera degli agricoltori locali ha permesso di preservare alcuni particolari tipi di legumi che godono del marchio di garanzia De.Co. Il pisello nano e la fava (dall’aspetto più schiacciato e dal baccello con non più di 5 semi) sono annoverati nelle produzioni agroalimentari tradizionali della Regione Puglia.

Famosi sono anche il cece, il cece nero, la lenticchia e il fagiolo bianco. Ma Zollino non è solo terra di legumi. Simbolo di questo borgo è la “scéblasti”, impasto del pane condito con zucchine, olive, cipolla, capperi e peperoncino che in griko significa “senza forma”.

SPONGANO – E’ la patria della “cunserva mara”, una gustosa conserva casereccia ottenuta dall’essiccazione al sole di peperoni dolci, peperoncini piccanti e pomodori, che vengono poi mescolati in una salsa perfetta per essere spalmata sul pane di grano o sulle bruschette.

SECLI’ – E’ il borgo famoso per i “pezzetti” di carne di cavallo, a cui viene dedicata ogni anno, dopo Ferragosto, una sagra. Il piatto forte è accompagnato da altre ricette sempre a base di carne di cavallo, preparata dai macellai del paese.

ORTELLE – Ad ottobre Ortelle, in occasione della festa di San Vito, celebra il maialino Or.Vi., allevato secondo metodi antichi seguendo uno specifico protocollo. Il risultato è una carne delicata e saporita, con cui vengono confezionati salsiccia, costolette, spiedini e capocollo da grigliare oppure da fare lessi o al sugo. Tipica di Ortelle è anche la “pirilla”, un pane casereccio insaporito con pezzi di pomodoro, zucca, cipolla, olive nere e, a volte, uva passa. 

Per scoprire dove soggiornare per visitare questi e altri borghi del Salento, date un’occhiata qui:

Sito web case vacanza –> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

Oppure chiedeteci informazioni:

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

“Routes of taste” in Salento: Maglie, Lecce, Cannole e Uggiano La Chiesa

11 Lug

From “Pasticiotto” to “caffè in ghiaccio”, from “Rustico” to “Tajeddhra”: there are many typical dishes of Salento that tell a part of the history and traditions of this land. From recipes to local products, we trace a “road map of taste” through the villages of gastronomic excellence.

MAGLIE – The village hosts every year, in early August, “Mercatino del gusto“, a festival in which the flavors of the traditional cuisine of Salento are celebrated, but not only. In those days you can smell the scents and aromas of local products.

PRODUCTS – Maglie produces its renowned pecorino cheese. Whether fresh or aged, sheep’s cheese is obtained from a production process that has been handed down over the centuries. If aged for a few days, it has a soft, light yellow paste. After a long maturation, however, it has a wrinkled, leathery crust and a hard straw yellow interior: highly recommended on pasta with sauce!

LECCE – It is the main seat of the most precious architectural jewels of this land. But Lecce not only offers an artistic heritage, it is also the place where you can taste some typical dishes, which have now become famous beyond the borders of the Salento peninsula.

THE PRODUCTS – Pasticciotto is a sweet of shortcrust pastry that opens up all the sweetness of the custard inside; Cotognata is a kind of solid jam cut into blocks that comes from quince apples; Rustico is a rotisserie product made of puff pastry and stuffed with bechamel, mozzarella, tomato and a pinch of pepper that all the local people from Lecce prefer for a snack.

With the pasta di mandorla (almond pastry), at Christmas and at Easter, locals make the traditional sweets of fish shape (at Christmas) and lamb shape (at Easter). Sanguinaccio is a product of Salento gastronomic tradition based on seasoned, flavored pork blood, stuffed into the intestines of the same animal and cooked.

CANNOLE – Small town a few kilometers from the much more famous Otranto, Cànnole owes its fame mainly to the “municeddha” festival which takes place every year in August.

THE PRODUCTS – The tradition of eating snails has been celebrated since 1985 when the idea of ​​a party dedicated to it was born. The idea is inspired by the “cuzzari“, the name by which the inhabitants of Cannole were called snail-gatherers. During the festival, the snail is prepared according to various recipes: fried, roasted and with sauce.

UGGIANO LA CHIESA – Framed by olive groves and countryside, Uggiano la Chiesa is the “Village of Bread and Oil”.

THE PRODUCTS – Every September, on the occasion of the Fair of the Village of Bread and Oil, it is possible to taste the fragrant loaves, accompanied by other typical culinary specialties.

To find out where to stay to visit these and other villages in Salento, take a look here:

Holiday houses –> https://www.villainpuglia.it/EN/Home  

Holiday villas –> https://www.villesalento.it/index.html#/

For further information:

e-mail –> info@villesalento.it

phones –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

I percorsi del gusto nel Salento: Maglie, Lecce, Cannole e Uggiano La Chiesa

10 Lug

Dal pasticciotto al caffè in ghiaccio, dal rustico alla tajeddhra: sono tantissimi i piatti tipici del Salento che raccontano una parte di storia e di tradizioni di questa terra. Dalle ricette ai prodotti locali, tracciamo una “road map del gusto” attraverso i borghi dell’eccellenza gastronomica.

MAGLIE – Il comune ospita ogni anno, i primi di agosto, il “Mercatino del gusto”, un festival in cui si celebrano i sapori della cucina tradizionale del Salento, ma non solo. Suddivise per itinerari, le vie del centro sono inebriate di profumi e aromi dei prodotti locali. 

PRODOTTI – Maglie offre ai salentini il suo rinomato formaggio pecorino. Che sia fresco o stagionato, il formaggio ovino è ottenuto da un processo produttivo che si tramanda nei secoli. Se stagionato per pochi giorni, ha una pasta morbida di colore giallo chiaro. Dopo una lunga maturazione, invece, presenta una crosta rugosa, coriacea e un interno duro giallo paglierino: consigliatissimo sulla pasta al sugo!

LECCE – Il capoluogo salentino è la sede principale dei gioielli architettonici più preziosi di questa terra. Ma Lecce non regala solo un patrimonio artistico da fare invidia alle grandi città del resto d’Italia, è anche la “patria” di alcuni piatti tipici, divenuti ormai famosi oltre i confini della penisola salentina. 

I PRODOTTI – Il pasticciotto è un involucro di pastafrolla che schiude al suo interno tutta la dolcezza della crema pasticcera; la cotognata è una sorta di confettura solida e tagliata in panetti che deriva dalle mele cotogne; il rustico è il prodotto di rosticceria fatto di pasta sfoglia e ripieno di besciamella, mozzarella, pomodoro e un pizzico di pepe che tutti i leccesi doc prediligono per lo spuntino.

Con la pasta di mandorla, a Natale e a Pasqua, si creano il pesce (a Natale) e l’agnellino (a Pasqua). Particolarmente famose sono creazioni di pesci e agnelli di pasta di mandorla delle suore del Monastero benedettino di san Giovanni Evangelista di Lecce, che da sempre confezionano questi prodotti tipici per i leccesi e non. Il Sanguinaccio leccese, infine, è un prodotto della tradizione gastronomica salentina a base di sangue di maiale condito, aromatizzato, insaccato in budella dello stesso animale e cotto.

CANNOLE – Piccolo centro a pochi chilometri dalla ben più nota Otranto, Cànnole deve la sua fama principalmente alla sagra della “municeddha” che ogni anno si svolge ad Agosto. 

I PRODOTTI – La tradizione di mangiare le lumache viene celebrata dal 1985 quando nacque l’idea di una festa a essa dedicata. L’idea prende ispirazione dai “cuzzari”, nome con cui venivano chiamati gli abitanti di Cannole raccoglitori di lumache. Durante la sagra la lumaca viene preparata secondo varie ricette: soffritta, arrostita e al sugo.

UGGIANO LA CHIESA – Incorniciata da uliveti e da campagne, Uggiano la Chiesa è la “Città del Pane e dell’Olio”.

I PRODOTTI – Ogni settembre, in occasione della Fiera della Città del Pane e dell’Olio, è possibile gustare le fragranti pagnotte esaltate da un filo d’oro giallo, accompagnate dalle altre specialità culinarie tipiche.

Per scoprire dove soggiornare per visitare questi e altri borghi del Salento, date un’occhiata qui:

Sito web case vacanza –> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

Oppure chiedeteci informazioni:

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Wine and olive oil routes in Salento: Morciano di Leuca, Specchia and Alezio

4 Lug
tag

From the northernmost municipality to the southest part of Salento, wine and olive oil are the traditional products of this land. Production is not only a link with the past, but also a synonym of quality. A brief overview of the centers of Salento excellence will guide you in choosing the DOC products to enjoy the true flavor of this land. Let’s discover the wine and olive oil routes in Morciano di Leuca, Specchia and Alezio.

MORCIANO DI LEUCA –Located in the extreme edge of the Salento peninsula, Morciano di Leuca is 64 km from Lecce. The historic center is dominated by the imposing castle, with high crenellated walls and a circular tower. Worth a visit the facade of the Church of the Madonna del Carmine, also known as “de lu cumentu”. From the glass panes of the square you can see the underground oil mill and the grain pits.

OLIVE OIL –There are 18 underground oil mills that testify to the ancient link between Morciano and oil. Some of them date back to the ninth century and many were obtained from the granaries of the Messapian era. Near the parish church you can admire an ancient stone mill for olives. Today there are many small and large farms as well as individuals who produce and sell quality olive oil.

ALEZIO – Cradle of the ancient Messapian civilization, Alezio rises a few kilometers from Gallipoli and houses one of the most important archaeological collections on the Messapi, in the rooms of the eighteenth-century Palazzo Tafuri, once a stately home owned by a noble Gallipoli family. Its rooms contain funerary objects and ancient finds, including balsam pieces, trozzelle and terracotta deities. In front of the museum, there is also the Archaeological Park.

THE WINE – Alezio gives its name to a doc wine to be tasted in two variations, both from the Negroamaro grape: the Alezio Rosso, with its warm and bitter taste, and the Rosato, drier and more velvety.

SPECCHIA – A timeless municipality, Specchia, 54 km from Lecce, is among the most beautiful villages in Italy, deserving to have been able to recover and enhance its architectural jewels. Today the ancient village is a characteristic widespread hotel, the heart of which is represented by the Risolo Castle, together with the Mother Church and the former Convent of the Black Franciscans.

OLIVE OIL – The underground oil mills of Specchia, ancient evidence of the town’s olive production, are still perfectly preserved today. The municipality is also part of the “Jonica – Antica Terra d’Otranto” Oil Road and its extra virgin olive oil is among the best in the region. Recently, the producers came together under a single label identified with the “De.C.O. Specchia ”(Municipal Designation of Origin), affixed to each bottle of oil produced in the country.

If you want to visit Salento and spend your holiday in wonderful houses or villas, click below:

Holiday houses –> https://www.villainpuglia.it/EN/Home

Holiday villas –> https://www.villesalento.it/index.html#/

For further information:

e-mail –> info@villesalento.it

phones –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

I percorsi del vino e dell’olio: Morciano, Specchia e Alezio

3 Lug

Dal comune più a nord fino al basso Salento, il vino e l’olio sono i prodotti della tradizione di questa terra. La produzione non è solo legame con il passato, ma anche sinonimo di qualità. Una breve panoramica sui centri dell’eccellenza salentina vi guiderà alla scelta dei prodotti doc per gustare il vero sapore di questa terra. Scopriamo i percorsi del vino e dell’olio a Morciano di Leuca, Specchia e Alezio

MORCIANO DI LEUCA – Situata nell’estremo lembo della penisola salentina, Morciano di Leuca dista 64 km da Lecce. Il centro storico è dominato dall’imponente castello, con alte mura merlate e un torrione circolare. Da ammirare è la facciata della Chiesa della Madonna del Carmine, nota anche come “de lu cumentu”. Dalle lastre di vetro della piazza si intravedono il frantoio ipogeo e le fosse granarie.

L’OLIO – Sono ben 18 i frantoi ipogei che testimoniano l’antico legame fra Morciano e l’olio. Alcuni di essi risalgono al IX secolo e molti furono ricavati dai granai di epoca messapica. Nei pressi della chiesa parrocchiale è tutta da ammirare un’antichissima macina in pietra per le olive. Oggi sono moltissime le piccole e grandi aziende agricole nonché i privati a produrre e vendere olio d’oliva di qualità.

ALEZIO – Culla dell’antica civiltà messapica, Alezio sorge a pochi chilometri da Gallipoli e custodisce una delle più importanti collezioni archeologiche sui Messapi, nelle sale del settecentesco Palazzo Tafuri, un tempo dimora signorile di proprietà di una nobile famiglia gallipolina. Nelle sue stanze sono conservati corredi funerari e antichi reperti, tra cui balsamari, trozzelle e divinità in terracotta. Di fronte al museo, c’è anche il Parco archeologico.

IL VINO – Alezio dà il nome ad un vino doc tutto da gustare in due varianti, entrambe dal vitigno Negroamaro: l’Alezio Rosso, dal suo sapore caldo e amarognolo, e il Rosato, più asciutto e vellutato. 

SPECCHIA – Comune senza tempo, Specchia, a 54 km da Lecce, è tra i Borghi più belli d’Italia, meritevole di aver saputo recuperare e valorizzare i suoi gioielli architettonici. Oggi il borgo antico è un caratteristico albergo diffuso, il cui cuore è rappresentato dal Castello Risolo, insieme alla Chiesa Matrice e all’ex Convento dei Francescani Neri.

L’OLIO – I frantoi ipogei di Specchia, antica testimonianza della produzione olivicola del paese, sono tutt’oggi perfettamente conservati. Il comune rientra, inoltre, nella Strada dell’Olio “Jonica – Antica Terra d’Otranto” e il suo olio extravergine è tra i migliori della regione. Di recente, i produttori si sono riuniti sotto un’unica etichetta identificata con il marchio “De.C.O. Specchia” (Denominazione Comunale di Origine), apposta su ogni bottiglia di olio prodotto nel paese.

Per venire in Salento in una delle nostre soluzioni, visitate i siti:

Sito web case vacanza –> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

Oppure chiedeteci informazioni:

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: