Archivio | febbraio, 2022

The “underground” Salento: the crypt of S. Cristina in Carpignano Salentino

27 Feb

Beyond the beaches and the sea that make Salento‘s panoramas an extraordinary paradise with an exotic charm, this land hides secret places that tell of precious artistic and architectural testimonies, as well. The “underground” Salento is a tour to discover the hidden places of Salento. Read here to find out more.

Crypt of S. Cristina – Two stairways lead to the crypt dedicated to Santa Cristina, whose very ancient origins date back to the IX-X century. The crypt consists of 2 naves and 3 apses carved into the tuff. Inside, the oldest frescoes in the region are preserved, indicating the dates, commission and name of the artists, as well as a large number of inscriptions in Greek. Delicate is the scene of the Annunciation with the Madonna spinning wool and S. Cristina with a veil over her face.

Carpignano Salentino – It is one of the municipalities of the Grecìa Salentina, located about 20 km south of Lecce and 10 km from Otranto. In this ancient village the “griko” is still spoken, a local dialect with a strong Greek contamination. Every September the “Sagra de lu mieru” is celebrated, one of the oldest festivals in Salento.

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice:

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Il Salento “sotterraneo”: la cripta di S. Cristina a Carpignano Salentino

26 Feb

Al di là delle spiagge e del mare che rendono i panorami del Salento uno straordinario paradiso dal fascino esotico, la “Terra fra i due mari” nasconde dei luoghi segreti che raccontano di testimonianze artistiche e architettoniche preziose. Il Salento “sotterraneo” è un tour che vi presentiamo alla scoperta dei luoghi nascosti del Tacco d’Italia. Leggete qui per scoprire di più.

Cripta di S. Cristina – Due scalinate portano nella cripta dedicata a Santa Cristina, le cui origini, antichissime, risalgono al IX-X secolo. La cripta è costituita da 2 navate e da 3 absidi scavate nel tufo. All’interno si conservano gli affreschi più antichi della regione su cui sono indicate date, committenza e nome degli artisti, oltre a un gran numero di iscrizioni in greco. Delicata la scena dell’Annunciazione con la Madonna che fila la lana e S. Cristina con un velo sul volto.

Carpignano Salentino – E’ uno dei comuni della Grecìa Salentina, situato a circa 20 km a sud di Lecce e a 10 km da Otranto. In questo borgo antico si parla ancora il “griko”, dialetto locale con forte contaminazione greca. Ogni settembre si celebra la “Sagra de lu mieru”, una delle più antiche sagre del Salento.

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

The lookouts of Salento: a tour of the coastal towers

20 Feb

Built in antiquity for defensive purposes, the coastal towers dot the entire Salento coast for an itinerary about 400 km long, which can be traveled on foot, by bicycle and by car. A land that has always been exposed to foreign attacks in the Mediterranean, Salento still preserves these important testimonies of a defensive line that dates back to the 15th and 16th centuries.

The sighting system constitutes a large part of the seaside resorts today frequented by tourists and locals: some of them have been restored, others have been completely destroyed, others have been incorporated into hamlets or localities that bear their name.

THE STRUCTURE OF THE COASTAL TOWERS – The access, 3 or 5 meters from the ground, was via ladders, which were pulled up and the interior was on two floors: the first provided for a sleeping area and the fireplace, used for smoke signals; the lower one, without windows, rested on a large cistern for collecting water. The larger towers also had a millstone for grain, as well as storing weapons and food.

THE MOST SUGGESTIVE – At halfway between Otranto and Porto Badisco, after a curve, one of the most evocative scenarios of Salento opens up, a plain of great beauty where the mighty remains of Torre S. Emiliano, within walking distance. You will be enchanted to admire the coast and, in the days of the north wind, also the mountains of Albania and the first Greek islands.

ADRIATIC SIDE – Start from Casalabate, the last outpost of the province of Lecce with Torre Specchiolla and travel all the way southwards with Torre Rinalda, Torre Chianca (Marina di Lecce) Torre Specchia Ruggeri, San Foca, Torre dell’Orso and Torre S. Andrea. Until you reach the lookout point to the east of Torre Palascìa and the ruined Torre del Serpe, symbol of Otranto.

IONIC SIDE – From Torre Vado (marina di Morciano) to the suggestive Torre Pali (marina di Salve), completely surrounded by the sea. Going up north, in S. Maria al Bagno you can admire the imposing Torre del Fiume, better known as the “4 columns” due to the 4 corners left standing. And then Torre dell’Alto, in Santa Caterina di Nardò, which is accessed by a large stone staircase. The tower of Torre Lapillo is today seat of a small Museum of the Sea.

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice.

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Le vedette del Salento: visita guidata alle torri costiere 

19 Feb
una delle torri costiere del Salento

Costruite in antichità per scopi difensivi, le torri costiere costellano tutto il litorale salentino per un itinerario lungo circa 400 km, percorribile a piedi, in bicicletta e in auto. Terra da sempre esposta agli attacchi stranieri nel Mediterraneo, il Salento conserva ancora oggi queste importanti testimonianze di una linea difensiva che risale al XV e al XVI secolo.

Torre Costiera a Porto Selvaggio

Il sistema di avvistamento costella buona parte delle località marine oggi frequentate da turisti e abitanti del luogo: alcune di esse sono state restaurate, altre state completamente distrutte, altre ancora sono state inglobate in frazioni o località che portano il loro nome.

LA STRUTTURA DELLE TORRI COSTIERE- L’accesso, a 3 o 5 metri da terra, avveniva con scale a pioli, che si tiravano su e l’interno era su due piani: il primo prevedeva una zona notte e il camino, usato per i segnali di fumo; quello inferiore, privo di finestre, poggiava su una grande cisterna per la raccolta delle acque. Le torri più grandi, disponevano anche di una macina per il grano, oltre a immagazzinare armi e viveri.

LA PIU’ SUGGESTIVA – A metà strada tra Otranto e Porto Badisco, superata una curva si apre uno degli scenari più suggestivi del Salento, una piana di grande bellezza dove nel nulla assoluto svettano i resti possenti di Torre S. Emiliano, raggiungibile a piedi. Resterete incantati ad ammirare la costa e, nei giorni di tramontana, anche i monti d’Albania e le prime isole greche. 

Torre Sant'Emiliano

VERSANTE ADRIATICO – Si parte da Casalabate, ultimo avamposto della provincia di Lecce con Torre Specchiolla e si percorre tutto il versante in direzione sud con Torre Rinalda, Torre Chianca (marina di Lecce) Torre Specchia Ruggeri, San Foca, Torre dell’Orso e Torre S. Andrea. Fino a raggiungere la vedetta più a est di Torre Palascìa e la diroccata Torre del Serpe, simbolo di Otranto.

VERSANTE IONICO – Da Torre Vado (marina di Morciano) alla suggestiva Torre Pali (marina di Salve), completamente circondata dal mare. Risalendo verso nord, a S. Maria al Bagno si ammira l’imponente Torre del Fiume, meglio conosciuta come le “4 colonne” per via dei 4 angoli rimasti in piedi. E poi Torre dell’Alto, a Santa Caterina di Nardò, a cui si accede da una grande scalinata in pietra. Suggestiva Torre Lapillo sede di un piccolo Museo del Mare.

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

“Valle D’Itria”: a wonderful land just next to Salento. Things to see in: Cisternino

13 Feb

Divided between the provinces of Bari, Taranto and Brindisi, the Itria Valley is a portion of central Puglia, whose peculiarities are: the trulli, typical cone-shaped stone houses, and the rural landscape, characterized by the use of local stone used to build dry stone walls. The most beautiful villages are: Ostuni, Alberobello, Martina Franca and Cisternino.

Cisternino

Awarded the “Bandiera arancione” of the Italian Touring Club, Cisternino, perched on the so-called Murgia dei Trulli, is one of the most beautiful villages in Italy, where you can stroll through the cobbled alleys of “chianche” and enjoy grilled meat in one of the ” ready stoves “.

The medieval old town, which has remained almost intact, houses the four four districts of “Bère Vécchie“, “Scheledd“, “u Pantène“, “L’ìsule“, which with the outermost one, called “u Bùrie“, make up the small maze of streets and open spaces where whitewashed houses, alleys adorned with geraniums, stairways, loggias and arches alternate. On the walk, you can follow the road that leads to Porta Piccola, through the airy Piazza Vittorio Emanuele with its beautiful Clock Tower.

Also in the old town it is possible to admire the historic residences, from the Governor’s palace, a beautiful example of the Baroque in Puglia, to the sixteenth-century bishop’s palace, from Palazzo Amati to Palazzo Lagravinese, to Palazzo Ricci-Capece with the Torre del Vento.

Here you will find some useful advice for your vacation in Apulia:

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

A due passi dal Salento, cosa vedere in Valle d’Itria: Cisternino

12 Feb
Cisternino

Divisa tra le province di Bari, Taranto e Brindisi, la Valle d’Itria è una porzione della Puglia centrale, la cui peculiarità sono: i trulli, tipiche abitazioni in pietra a forma di cono, e il paesaggio rurale, caratterizzato dall’uso della pietra locale utilizzata per costruire muri a secco. I borghi più belli sono: Ostuni, Alberobello, Martina Franca e Cisternino.

Panoramica di Cisternino

Cisternino

Premiato con la “Bandiera arancione” del Touring Club Italiano, Cisternino, arroccato sulla cosiddetta Murgia dei Trulli, è uno dei Borghi più belli d’Italia, dove passeggiare tra i vicoli lastricati di “chianche” e gustare carne alla brace in uno dei “fornelli pronti”. 

Il centro storico medievale, rimasto quasi intatto, ospita i quattro quattro quartieri di “Bère Vécchie”, “Scheledd”, “u Pantène”, “L’ìsule”, che con quello più esterno, chiamato “u Bùrie”, compongono il piccolo dedalo di vie e slarghi dove si alternano case bianche di calce, vicoli adorni di gerani, scalinate, logge e archi. Nella passeggiata si può seguire la via che conduce verso porta Piccola, attraverso l’ariosa piazza Vittorio Emanuele con la sua bella Torre dell’Orologio

Il centro di Cisternino

Sempre nel centro è possibile ammirare le dimore storiche, dal palazzo del Governatore, bellissimo esempio del barocco in Puglia, al cinquecentesco palazzo vescovile, da Palazzo Amati a Palazzo Lagravinese, fino a Palazzo Ricci-Capece con la Torre del Vento. 

Qui troverete qualche consiglio per la vostra vacanza in Puglia:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

“Valle D’Itria”: a wonderful land just next to Salento. Things to see in: Martina Franca

6 Feb

Divided between the provinces of Bari, Taranto and Brindisi, the Itria Valley is a portion of central Puglia, whose peculiarities are: the trulli, typical cone-shaped stone houses, and the rural landscape, characterized by the use of local stone used to build dry stone walls. The most beautiful villages are: Ostuni, Alberobello, Martina Franca and Cisternino.

Martina Franca

Getting lost in the alleys of “U ‘curdunnidd“, the old town that goes from the Church of the Carmine to the Basilica of San Martino, is one of the most interesting activities to do in Martina Franca, a town in the Itria valley that rises on the eastern hills of the Murgia.

The palaces in Baroque and Rococo style, with rich portals with coats of arms and apotropaic masks force you to walk with your nose upwards to admire their beauty. The characteristic white houses that develop vertically embellish the old town along with the sumptuous baroque of Palazzo Ducale, Palazzo Martucci, Palazzo Università, Palazzo Motolese, Palazzo Maggi, Palazzo Ancona and the Basilica of Saint martin.

Martina Franca owes its name partly to the devotion to San Martino, who saved its inhabitants from enemy invasions, and partly to the times when Philip of Anjou offered his inhabitants exemptions on the payment of taxes.

You must taste the bocconotti with cream and black cherry or ricotta and you must buy excellent salami, soppressate, pancetta and above all the capocollo, the symbol of the town.

Here you will find some useful advice for your vacation in Apulia:

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

A due passi dal Salento, cosa vedere in Valle d’Itria: Martina Franca

5 Feb

Divisa tra le province di Bari, Taranto e Brindisi, la Valle d’Itria è una porzione della Puglia centrale, la cui peculiarità sono: i trulli, tipiche abitazioni in pietra a forma di cono, e il paesaggio rurale, caratterizzato dall’uso della pietra locale utilizzata per costruire muri a secco. I borghi più belli sono: Ostuni, Alberobello, Martina Franca e Cisternino.

Martina Franca

Perdersi nei vicoli del “U’ curdunnidd”, il centro storico che va dalla Chiesa del Carmine alla Basilica di San Martino, è una delle attività più interessanti da fare a Martina Franca, comune della valle d’Itria che sorge sulle colline orientali della Murgia.

le campagne della Valle d'Ittrio

I palazzi in stile barocco e rococò, con ricchi portali con stemmi e maschere apotropaiche costringono a camminare con il naso all’insù per ammirarne la bellezza. Ad impreziosire il centro storico sono le caratteristiche casette bianche che si sviluppano in verticale e si dipanano in stradine tortuose, e il barocco sontuoso di Palazzo Ducale, Palazzo Martucci, Palazzo dell’Università, Palazzo Motolese, Palazzo Maggi, Palazzo Ancona e della Basilica di San Martino.

piatti tipici della Valle D'Itria

Martina Franca deve il suo nome in parte alla devozione per San Martino, che salvò i suoi abitanti dalle invasioni nemiche, e in parte ai tempi in cui Filippo d’Angiò offriva ai propri abitanti franchigie sul pagamento delle tasse.

D’obbligo una sosta per assaggiare i bocconotti con crema e amarena o ricotta e per comprare ottimi salami, soppressate, pancette e soprattutto il capocollo, simbolo indiscusso del borgo. 

Qui troverete qualche consiglio per la vostra vacanza in Puglia:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: