Archivio | luglio, 2022

Affitti case vacanza: ecco come riconoscere e tutelarsi dalle truffe

25 Lug

Avete programmato le ferie da un anno, risparmiato fino all’ultimo centesimo e scelto una bella casa al mare dove rifugiarvi dalla calura estiva e godere di qualche giorno di relax. Arrivati sul posto, con bagagli e famiglia al seguito, non trovate la vostra villetta vacanze e la persona che, con tanta premura vi aveva seguito fino al pagamento, ha il telefono irraggiungibile. In un attimo la vacanza dei sogni si trasforma in una realtà da incubo: siete stati truffati! Ecco come difendervi dalle truffe per l’affitto di case vacanze

Purtroppo non sono pochi a segnalarci disavventure del genere e cattive pratiche come queste non solo colpiscono direttamente i turisti che sono scoraggiati dalle prenotazioni via web, ma danneggiano anche gli operatori del settore che da anni si impegnano a garantire professionalità e serietà a chi prenota a distanza. 

Di seguito, qualche accorgimento da adottare quando si naviga sul web per mantenere alta l’allerta contro ipotetiche truffe.

PREZZO –  Diffidate dagli alloggi con un prezzo molto basso. Fate sempre una ricerca sul mercato concorrente per capire qual è il prezzo medio di una struttura a seconda del periodo selezionato (alta, media, bassa stagione).

RECENSIONI – Controllate le recensioni che gli altri clienti hanno lasciato sul web. Di solito, chi opera da molto tempo sul mercato in maniera seria e professionale ha diverse recensioni che ne attestano l’operato. Il truffatore, invece, viene immediatamente bloccato. 

INSERZIONI – Verificate che le prime due righe dell’inserzione e che la foto della casa vacanze non compaiano in un altro sito sotto il nome di un differente inserzionista. In questo caso uno degli annunci è falso o è molto probabile che lo sia.

Villa code m595

FOTOGRAFIE – Osservate con attenzione le fotografie della casa e, nel caso, leggete le proprietà delle foto. Se l’immagine è scattata realmente, dovreste trovare nei dettagli e nelle informazioni i dati relativi alla risoluzione e alla fotocamera. Altrimenti, è possibile che la foto sia stata presa da internet.

ACCONTO – Non pagate l’intero importo della vacanza in anticipo. Se effettuate un bonifico di acconto, accertatevi che l’IBAN o il conto corrente non risultino all’estero se la casa affittata si trova in Italia. Sono da evitare i pagamenti attraverso vaglia, carte prepagate o agenzie di money transfer (come Western Union o Money Gram).

Il bonifico bancario e la carta di credito sono forme di pagamento più sicure poiché si ha modo di tracciare la transazione. Inoltre, specificare il nome della struttura, il periodo del soggiorno e il proprio nome e cognome nella causale di pagamento del bonifico bancario oppure postale utilizzato per la caparra si può rivelare utile per avere un versamento tracciabile con tutti i dati necessari per identificare la transazione.

Villa code m590

IN CASO DI TRUFFA, COSA FARE? – Se, ahimè, nonostante tutti gli accorgimenti messi in atto, siete incappati in una truffa è fondamentale conservare tutta la documentazione e la corrispondenza digitale e denunciare tutto alla Polizia Postale, ovvero la sezione della Polizia di Stato specializzata nell’azione di prevenzione e contrasto della criminalità informatica.

In alternativa, potete presentare denuncia anche in qualsiasi sede di Polizia o Stazione dei Carabinieri, che provvederà a sua volta ad inoltrare la stessa all’ufficio competente.

Per affittare con noi in sicurezza, visita i nostri siti:

https://www.casesalento.com/IT/Home

https://www.villainpuglia.it/it/

E contattaci qui:

info@villesalento.it

392/0202233

Discovering Grecìa Salentina: Calimera

10 Lug
Mother Church in Calimera

A small town in the Grecìa Salentina, Calimera is one of the municipalities where grìko, a local dialect of Greek derivation, is still spoken. The town, with about 6 thousand inhabitants, is 16 km far from Lecce.

Among the beauties to visit in Calimera, we point out the baroque Mother Church dedicated to San Brizio with an unusual painting of the Madonna della Misericordia in which the Virgin is depicted during pregnancy; a few steps away there is the House Museum of Peasant Civilization and Grika Culture. Outside the city, immersed in the woods, there is the Natural History Museum of Salento which is also a recovery center for wildlife and sea turtles.

S. Vito church in Calimera

Typical of the place is the ritual that is practiced on Easter Monday in the church of S. Vito with the passage in the “stone of fertility”, a monolith with a hole that is crossed as a sign of rebirth.

The debate on the origin of the name is controversial and according to an interpretation it derives from the Greek Καλημέρα (Kalimèra), which means good morning or, according to some scholars, beautiful district (καλλά μερέα, kallá meréa).

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice.

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Alla scoperta della Grecìa Salentina: Calimera

9 Lug
Chiesa Madre a Calimera

Piccolo centro della Grecìa Salentina, Calimera è uno dei comuni in cui si parla ancora il grìko, dialetto locale di derivazione greca. Il comune, con circa 6mila abitanti, dista da Lecce 16 km.

Fra le bellezze da visitare di Calimera, vi segnaliamo la Chiesa Madre barocca dedicata a San Brizio con un insolito dipinto della Madonna della Misericordia in cui la Vergine è raffigurata durante la gravidanza; a pochi passi c’è la Casa Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Grika. Fuori porta, immerso nel bosco, c’è il Museo di Storia Naturale del Salento che è anche centro recupero per la fauna selvatica e le tartarughe marine.

chiesa di San Vito a Calimera

Tipico del posto il rito che si pratica a Pasquetta nella chiesetta di S. Vito col passaggio nella “pietra della fertilità”, un monolite con un foro che viene attraversato in segno di rinascita. 

Il dibattito sull’origine del nome è controverso e secondo un’interpretazione deriverebbe dal greco Καλημέρα (Kalimèra), che significa buon giorno o, secondo alcuni studiosi, bella contrada (καλλά μερέα, kallá meréa).

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Discovering Grecìa Salentina: Sternatìa

3 Lug
complesso dei Domenicani a Sternatìa

With just over 2,000 inhabitants, Sternatìa is part of the Hellenistic area of Grecìa Salentina where grìko is still preserved today as an idiom, evidence of the influence of ancient Greece. The village is about 16 km from Lecce.

Porta Filìa a Sternatìa

To discover the village of Sternatìa, you have to stop at the former Dominican Convent, now the seat of the Municipality, at the Mother Church dedicated to San Giorgio and the hypogeum oil mill from the 1500s, near Porta Filìa, with Calabrian-style millstone and presses. Do not miss the 600-year-old olive tree that you encounter along the way.

The origin of the name is probably Greek and derives from “sterna” that is cistern, as evidenced by the presence on site of four large cisterns.

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice.

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Alla scoperta della Grecìa Salentina: Sternatìa

2 Lug
Complesso dei Domenicani a Sternatìa

Comune di poco più di 2000 abitanti, Sternatìa fa parte dell’area ellenofona della Grecìa Salentina dove ancora oggi viene conservato il grìko come idioma, testimonianza dell’influenza dell’antica Grecia. Il borgo dista poco più di 16 km da Lecce.

Per scoprire il borgo di Sternatìa bisogna fare tappa all’ex Convento dei Domenicani, oggi sede del Comune, alla Chiesa Matrice dedicata a San Giorgio e al frantoio ipogeo del ‘500, nei pressi di Porta Filìa, con macina e torchi alla calabrese. Da non perdere l’ulivo di 600 anni che si incontra durante il percorso.

Porta Filìa a Sternatìa

L’origine del nome è probabilmente greca e deriva da “sterna” ossia cisterna, com’è dimostrato dalla presenza in loco di quattro grandi cisterne.

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: