Archive by Author

Fried eggplants seasoned with tomato sauce and mozzarella, who doesn’t love parmigiana?

16 Dic

The origin of this dish is still uncertain, some attribute it to Sicily, others to Campania or to the city of Parma. What is certain is that Parmigiana has fully taken part into the cooking tradition of Salento. Here is the recipe of our version! 😉

To find out other typical dishes of Salento, look at the following link! Continua a leggere

Strati di melanzane fritte condite con sugo e mozzarella, chi non ama la parmigiana?

15 Dic

L’origine di questo piatto è tuttora incerta, alcuni la attribuiscono alla Sicilia, altri alla Campania o alla città di Parma. Quello che è certo è che la parmigiana è entrata a pieno titolo anche nella tradizione culinaria salentina. Ecco la ricetta della nostra versione! 😉

Per conoscere gli altri piatti tipici del Salento, guardate il seguente link utile!

PARMIGIANA

Ingredienti per 6 persone:

4 melanzane lunghe

800 gr di salsa di pomodoro fresca

500 gr di mozzarella

una cipolla

basilico

farina

olio di arachide

olio extravergine d’oliva

zucchero

sale fino e grosso

Prendete le melanzane, lavatele, e tagliatele a fette dello spessore di circa 1/2 centimetro e mettetele in un colapasta, con un po’ di sale, quindi lasciatele riposare per un’ora, poi strizzatele, sciacquatele e asciugatele.

In una padella soffriggete la cipolla tritata e l’aglio schiacciato, insieme a 2-3 cucchiai di olio d’oliva, poi togliete l’aglio, aggiungete il pomodoro, il basilico, il sale, il pepe e cuocete per 15-20 minuti.

Friggete le melanzane per la parmigiana in abbondante olio. Intanto tagliate la mozzarella a fette, rompete le uova e sbattetele insieme a 1/3 della salsa di pomodoro e aggiungete un pizzico di sale. Per la cottura, in una pirofila, versate sul fondo un po’ di salsa senza uova e sistemate uno strato di melanzane. Aggiungete la salsa all’uovo insieme a 2-3 cucchiai di parmigiano grattugiato, il basilico e le fettine di mozzarella.

Alternate gli strati fino a esaurimento degli ingredienti, realizzando con le melanzane l’ultimo strato e copritelo con la salsa di pomodoro senza uova. Cuocete in forno a 180° per 30 minuti e poi servite.

Per provare la ricetta e imparare dal vivo i consigli dello chef non vi resta che venire in vacanza in una delle nostre ville e prenotare un’esperienza culinaria con lo chef a domicilio.

Per tutte le info:

www.casesalento.com

www.villesalento.it

info@villesalento.it

328/4617633

A classic of Salento’s cuisine, the recipe of “Orecchiette con le cime di rapa”

9 Dic

It is the most rappresentative dish of Puglia. The secret lies in the quality of the turnips and in the particularity of the pasta, the orecchiette. Here it is, in a few simple steps, the recipe for making a unique dish.

To find out other typical dishes of Salento, look at the following link! Continua a leggere

Un classico della cucina salentina, la ricetta delle orecchiette con le cime di rapa

8 Dic

È il piatto con cui spesso si identifica la Puglia intera. Il segreto sta nella qualità delle rape e nella particolarità della pasta, ovvero le orecchiette. Ecco, in pochi e semplici passaggi, la ricetta per realizzare un piatto unico.

Per conoscere gli altri piatti tipici del Salento, guardate il seguente link utile!

ORECCHIETTE CON LE CIME DI RAPA

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di cime di rapa

50 gr di pangrattato

Sale fino q.b.

1 spicchio d’aglio

3 filetti d’acciughe sott’olio

30 gr di olio extravergine d’oliva

Mettete sul fuoco una pentola con l’acqua bollente e immergetevi le cime di rapa. Lasciate cuocere per due minuti e dopo immergete le orecchiette fresche.

Intanto prendete una padella e versate dell’olio per far soffriggere l’aglio e il peperoncino. Dopo circa 30 secondi aggiungete le acciughe e, con l’aiuto di un cucchiaio di legno, sminuzzatele grossolanamente. A questo punto, quando le cime e la pasta saranno cotte, scolate il tutto.

Versate le orecchiette e le cime in padella e mantecate con l’aiuto di un cucchiaio di legno. Quando tutto è pronto, togliete gli spicchi d’aglio e servite.

Per provare la ricetta e imparare dal vivo i consigli dello chef non vi resta che venire in vacanza in una delle nostre ville e prenotare un’esperienza culinaria con lo chef a domicilio.

Per tutte le info:

www.casesalento.com

www.villesalento.it

info@villesalento.it

328/4617633

Things that you could do in Salento when it’s raining

2 Dic

You are in the middle of your holiday in Salento and suddenly it starts raining (yes, sometimes it happens that it rains even in the sunny south Italy!) For a few hours you’ll be able to do something different than taking sunbath or having a swim.

If you don’t believe, just read this little guide. Forget for a while bikini and sunscreen and wear comfortable shoes… you will discover such amazing things 😉

MUSEUMS

There are museums for all tastes: for those who want to discover the history of Salento, or for those who love nature. For the most fearless it will be possible to make an “horror tour” by visiting the fantasy museum.

ARCHAEOLOGICAL NATIONAL MUSEUM OF TARANTO – MarTa

Via Cavour, 10, 74123 Taranto

The museum is one of the most important of Puglia, thanks to its collection of archaeological finds, among the most important in Italy.

MarTa in Taranto

Located in the former Convent of San Pasquale of Babylon, the museum boasts a collection of over two hundred thousand objects from Prehistory to the Middle Ages, from the V millennium BC, until the arrival of the Romans.

In the collection you can admire objects of daily life, related to the cult and funeral rituals of the Greek city.

Do not miss the collection of Ori di Taranto, a true anthology of the goldsmith’s art of the Hellenistic age with numerous artifacts belonging to funerary objects.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

MUSEUM OF NATURAL HISTORY– CALIMERA

S.P. Calimera-Borgagne, km 1 – 73021 Calimera (Lecce) – Italy

Butterfly house in Calimera

It is the largest museum in southern Italy thanks to over 2,000 square meters of exhibition area, which includes Vivarium and Wildlife Park. Depending on the interests, you can visit various exhibition sections such as Astronomy, Mineralogy, Paleontology and Paleoanthropology. You can see wonderful shells in the section of Malacology or take a trip to see Embryology and Botany (the latter still under construction).

Not to be missed is the Mesocosmo, one of the largest Butterfly Houses in Italy, with its 630 square meters and 6 meters of height. You will be enchanted by the many species of butterflies and tropical insects.

You will be completely immersed in the rainforest, whose setting has been faithfully rebuilt thanks to the arrangement of plants, in order to recreate conditions as close to the wild ones. The result is a scenographic effect of great impact. Highly recommended for adults and children!

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

 

MUSEO SIGISMONDO CASTROMEDIANO – LECCE

Viale Gallipoli, 28 – Lecce

Museum “Sigismondo Castromediano” in Lecce

Attic vases with red figures, messapian ceramics and statues of the imperial age: there is much to discover of the history of Salento from prehistory to the twentieth century. You can learn part of this history by visiting the Museum “Sigismondo Castromediano”. Founded in 1868 by the archaeologist Sigismondo Castromediano, the museum is the oldest one in Puglia.

There are also a library, an auditorium, and a picture gallery with medieval works and sacred furnishings from the seventeenth century to the nineteenth century.

Every historical epoch is marked by a series of icons that allow the visitor to choose between different paths.

FANTASY MUSEUM

Via Vittorio Emanuele, 33 – Lecce

For those who love horror it is recommended to visit the “Fantasy Museum – Art and Special Effects” of the Magrì twins.

The two brothers have been exhibiting their works since few years, after a long career spent working in the cinematographic industy, with Dario Argento, Roberto Benigni, Sergio Rubini and Morgan Freeman, to name a few.

The museum is open to an audience of all ages and includes two thematic areas: Fantasy Art, consisting of hyperrealistic fantasy characters in life size (in silicon, latex, fiberglass), and Special Cinematic Effects, with special effects that Gabriele and Vittorio Magri made for cinema, tv and theater.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

MONUMENTS / CHURCHES

If you are keen on history and art you must visit these monuments.

ARAGONESE CASTLE – OTRANTO

Castello Square – Otranto

The Castle of Otranto

The castle, which gave its name to the first gothic novel in history, almost merges with the walls of Otranto to form a single defensive apparatus.

Surrounded by a moat, the entrance to the castle was probably possible through a drawbridge, in whose place today we find a stone arch and wooden trampling.

All rooms on the floor are rectangular or square and overlook the inner courtyard.

Already built around the year one thousand, the castle we see today is the result of constant transformations and changes suffered over time: renovated in 1228 by Frederick II of Swabia, the manor was rebuilt after the Sacco di Otranto of 1480. The current structure it is due to the contribution of the Viceroy of Spain, who made it a true masterpiece of military architecture.

Today it is one of the most important cultural showcases of Salento, where, every year, national art exhibitions take place.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

Castle of Copertino

CASTLE OF COPERTINO

Castello Square – Copertino

Located in the heart Copertino, about 18 km far from Lecce, the castle was declared a national monument in 1886 and subjected to the protection regulations in 1955. The structure is built around a square courtyard with spear ramparts in the four corners.

Built probably in the Norman period, the castle has the classic star shape of the 16th century fortifications. Even today, the building is surrounded by a moat along its entire perimeter, while access is allowed through a stone bridge.

On the left stands the Pinelli-Pignatelli portico, while on the right is the chapel of San Marco, entirely frescoed by the mannerist painter Gianserio Strafella on behalf of the Genoese family of Squarciafico, who had bought the castle in 1557.

Inside, in the sixteenth-century residential areas, there is the noble chapel dedicated to Santa Maria Maddalena, with frescoes of the fifteenth century, found during the restoration works.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

CASTLE DE MONTI – CORIGLIANO D’OTRANTO

Castello Square, 1 – Corigliano D’Otranto

Castle of Corigliano

The characteristic elements that make the Castle in Corigliano d’Otranto unique are a quadrangular plant, circular towers and a baroque façade.

The castle, described as the most beautiful monument of military and feudal architecture of the early 16th century, is a medieval construction and was radically renovated and enlarged between 1514 and 1519 by Giovan Battista de’ Monti. Surrounded by a moat, the manor is spread over a square plant, at the corners of which there are four circular towers.

The castle has been destined to the most varied uses over the years: from oil mill to the headquarters of the Guardia di Finanza, from a private house to a mill. Today it is still open to visitors and is home to numerous cultural events and exhibitions.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

CASTLE OF ORIA

Via Castello – 72024 Oria

The Castle of Oria

Located on a hill between Brindisi and Taranto, the Castle of Oria, was built between 1225 and 1233 under the kingdom of Frederick II of Swabia. Over the centuries, the manor house has been the residence of princes, knights and nobles.

Of triangular planimetry, the castle is characterized by the three towers respectively called Quadrata, Del Cavaliere and Del Salto: the first has Federician origin, the other two were built under the Angevin domination.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

CASTEL DEL MONTE

Strada Statale 170, 76123 – Castel Del Monte, Andria BT

It is the most famous castle in Puglia, with a mysterious and fascinating history behind it. Built in the thirteenth century by Frederick II of Swabia, known as Stupor Mundi, for its immense culture, Castel Del Monte is located 18 km from the city of Andria, on the hill of Santa Maria del Monte, at 540 meters above sea level.

Castel Del Monte

The Castle is linked to the number eight, which represents the union between man and God and that recurs in the proportions of the whole building. With an octagonal plan, like the eight towers that stand at each vertex of the polygon, the castle respects the shape also in the inner courtyard.

UNESCO World Heritage Site since 1996, the fortress has in the past been used as an astronomical observatory or a hunting manor. Its walls hosted the wedding of Violante, daughter of Federico II and Bianca Lancia. After centuries of abandonment, the castle was restored in 1879.

ABBEY OF SANTA MARIA IN CERRATE

SP100 km 5.900, 100

Santa Maria a Cerrate

On the road from Squinzano to Casalabate, about 15 km north from Lecce, there is the Abbey of Santa Maria a Cerrate, one of the most significant examples of Romanesque otrantino.

The site was founded, according to legend, at the end of the twelfth century by Tancredi d’Altavilla, count of Lecce, after the apparition of the Holy Virgin, between the horns of a deer, from which the name of the site (Cerrate or Cervate).

The village was an important religious and cultural center until the sixteenth century.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

BASILICA OF SANTA CATERINA D’ALESSANDRIA – GALATINA

Via Raimondello Orsini – Galatina

Santa Caterina D’Alessandria in Galatina

It is one of the most famous monuments of the Apulian and Gothic Romanesque art in Puglia and is located in the old town of Galatina (about 24 km south from Lecce).

The Basilica, built by the Orsini Del Balzo family, is a mixture of Romanesque and Gothic styles and is one of the most characteristic examples of southern Italy, for its architecture and its frescoes.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

SANTA CROCE CHURCH – LECCE

Via Umberto I, 3 – Lecce

Santa Croce in Lecce

It is the most expressive example of Baroque in Lecce, thanks above all to the decorative richness of its façade. Santa Croce was erected from 1549, but it took a century to be finished, in 1646, by the three architects Riccardi, Penna and Zimbalo.

The church has three naves of equal width.

The roof of the side aisles is sometimes cross-vaulted, while that of the central nave has a rich chest of drawers. A high and bright dome is located at the intersection of the arms.

OLD TOWNS

Who embodies the spirit of flâneur will certainly be enchanted by the architectural beauty of Lecce and the other small villages of Salento. Here we mention only some, among the most beautiful, where you can get lost in long walks. Enjoy the tour!

LECCE

Known as the “Florence of the South” for the many churches, the capital of the Baroque is undoubtedly the most important center from which to start the tour in Salento. With its 95,000 inhabitants, Lecce is the capital of Salento.

The historic center is characterized by elegant churches in Baroque style and buildings built in Lecce stone. Among the monuments to visit, do not miss Piazza Sant’Oronzo with its “Sedile” and the column with the statue of the Patron Saint which gives the name to the square, the Roman amphitheater, the (already mentioned) church of Santa Croce and the Cathedral.

OTRANTO

Otranto

Getting lost in the colorful alleyways decorated by craft shops is among the most enjoyable activities to do in Otranto, a small jewel that rises at the easternmost tip of the Adriatic shore.

In addition to numerous bars, restaurants and shops including shopping, you should not miss: the Aragonese Castle, home to important art exhibitions (described above); the Cathedral of Santa Maria Annunziata, with its floor mosaic dating back to the mid-twelfth century; the chapel dedicated to the martyrs of Otranto, in which are preserved the bones of those who died in the massacre by the Turks in 1480.

SPECCHIA

Small village located between sea and hill, the village of Specchia rises 130 meters above sea level, about 50 km South from Lecce. The old town, full of narrow streets and dry stone walls, has a clear medieval imprint.

Specchia

In the highest part, in Piazza del Popolo, overlook the most elegant buildings of the town: Palazzo Risolo, the mother church and the Baronial Palace Ripa. In 2013 Specchia received the recognition as “Jewel of Italy“.

For a holidays villa nearby >> take a look HERE

More info:

www.casesalento.com

www.villesalento.it

info@villesalento.it

328/4617633

 

Cosa fare nel Salento quando piove

1 Dic

Siete nel bel mezzo della vostra vacanza nel Salento e, fra un bagno e l’altro, quelle nuvole grigie in lontananza (sì, ogni tanto capita che piova anche nell’assolato sud Italia!) vi suggeriscono che per qualche ora potreste fare altro, al posto di prendere la tintarella in spiaggia.

Presi dal panico, vi sentite persi perché non sapreste cosa fare in una terra che fa del “mare, il sole e il vento” i suoi cavalli di battaglia! Niente di più sbagliato. Mettete temporaneamente da parte bikini e crema solare e indossate scarpe comode, perché quello che scoprirete vi lascerà a bocca aperta 😉

MUSEI

Ce ne sono per tutti i gusti: per chi vuole scoprire la storia di questa terra, da sempre cerniera fra Oriente e Occidente, o per chi ama la natura. Per i più impavidi sarà possibile fare un “giro del terrore”, visitando il museo fantasy.

MUSEO NAZIONALE ARCHEOLOGICO DI TARANTO – MarTa

Via Cavour, 10, 74123 Taranto

Il MarTa (acronimo di Museo Archeologico di Taranto) è il fiore all’occhiello fra i musei della Puglia, grazie alla sua raccolta di reperti archeologici, fra le più importanti di Italia.

Il MarTa a Taranto

Ospitato nell’ex Convento di San Pasquale di Babylon, il museo vanta una collezione di oltre duecentomila reperti e manufatti, dalla Preistoria al Medioevo.

Seguendo il percorso di visita, infatti, si viaggia dal V millennio a.C., con i primi contatti degli indigeni Japigi con il mondo egeo fino all’arrivo dei Romani, passando per la colonizzazione del Golfo di Taranto da parte di Sparta. Nella collezione si possono ammirare oggetti di vita quotidiana, legati al culto e ai rituali funebri della città greca.

All’epoca romana risalgono sculture e terrecotte figurate, utensili e oreficerie d’ogni genere. Da non perdere il tesoro degli Ori di Taranto, vera e propria antologia dell’arte orafa di età ellenistica con numerosi manufatti appartenenti a corredi funerari.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

MUSEO DI STORIA NATURALE – CALIMERA

S.P. Calimera-Borgagne, km 1 – 73021 Calimera (Lecce) – Italia

Butterfly house a Calimera

È il museo più grande del sud Italia grazie agli oltre 2.000 mq di area espositiva, che comprende Vivarium e Parco faunistico. Si possono visitare, a seconda degli interessi, varie sezioni espositive dall’Astronomia, alla Mineralogia, dalla Paleontologia alla Paleoantropologia. Potrete osservare meravigliose conchiglie nella sezione della Malacologia oppure fare un salto per vedere Embriologia e Botanica (quest’ultima ancora in fase di allestimento).

Da non perdere è il Mesocosmo, overo una delle più grandi Butterfly house d’Italia, con i suoi 630 mq di superficie e 6 m d’altezza. Rimarrete incantanti dalle tantissime specie di farfalle e di insetti tropicali.

Non solo, sarete completamente immersi nella foresta pluviale, la cui ambientazione è stata fedelmente ricostruita grazie alla disposizione delle piante messe direttamente a dimora per ricreare condizioni quanto più vicine a quelle selvatiche. Il risultato è un effetto scenografico di grande impatto. Consigliatissimo per adulti e bambini!

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

MUSEO SIGISMONDO CASTROMEDIANO – LECCE

Viale Gallipoli, 28 – Lecce

Museo “Sigismondo Castromediano” a Lecce

Vasi attici a figure rosse, ceramiche messapiche e statue di età imperiale. C’è molto da scoprire della storia del Salento dalla preistoria al Novecento fra i reperti custoditi nel museo Provinciale “Sigismondo Castromediano”.  Fondato nel 1868, dall’archeologo e letterato leccese Sigismondo Castromediano, il museo è il più antico della Puglia.

Presenti anche una biblioteca specializzata su storia, arte e archeologia, un auditorium, una pinacoteca con opere medievali e arredi sacri dal Seicento all’Ottocento, e un ambiente dedicato alla conservazione di opere pittoriche e scultoree di artisti del XIX e XX secolo, operanti nel Salento.

Ogni epoca storica è contraddistinta da una serie di icone che permettono al visitatore di scegliere tra i diversi percorsi.

MUSEO FANTASY

Via Vittorio Emanuele, 33 – Lecce

Per chi ama i brividi e il gusto dell’horror non rimarrà deluso andando a visitare il “Museo Fantasy – Arte ed Effetti Speciali” dei gemelli Magrì.

I due fratelli hanno da qualche anno deciso di esporre i propri lavori, dopo una lunga carriera passata a lavorare nel cinema, italiano e internazionale, con collaborazioni con Dario Argento, Roberto Benigni, Sergio Rubini e con Morgan Freeman, per citarne alcuni.

Il museo è aperto a un pubblico di tutte le età e prevede due aree tematiche: Arte Fantasy, costituita da personaggi fantasy iperrealistici a grandezza naturale (in silicone, lattice, vetroresina), ed Effetti Speciali Cinematografici, con effetti speciali che Gabriele e Vittorio Magrì hanno realizzato per cinema, tv e teatro.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

MONUMENTI/CHIESE

Se la sera inventate qualsiasi scusa per non uscire con gli amici e non perdervi una delle trasmissioni tv di Alberto Angela, allora vi consigliamo di continuare a leggere: rimarrete affascinati dal mix fra arte e storia di questi monumenti.

Il Castello Aragonese a Otranto

CASTELLO ARAGONESE – OTRANTO

Piazza Castello – Otranto

Il castello, che ha dato il nome al primo romanzo gotico della storia, si fonde quasi con la cinta muraria di Otranto a formare un unico apparato difensivo.

Delimitato da un fossato, l’ingresso al castello era probabilmente possibile attraverso un ponte levatoio, al cui posto oggi troviamo un arco in pietra e calpestio in legno. Tutti gli ambienti del piano sono a pianta rettangolare o quadrata e si affacciano sul cortile interno.

Già edificato intorno all’anno mille, il castello che vediamo oggi è il risultato di costanti trasformazioni e modifiche subite nel tempo: ristrutturato nel 1228 da Federico II di Svevia, il maniero è stato ricostruito dopo il Sacco di Otranto del 1480. La struttura attuale si deve all’apporto dei viceré di Spagna, che ne fecero un vero e proprio capolavoro di architettura militare.

Oggi è una delle vetrine culturali più importanti del Salento, dove, ogni anno, vengono ospitate mostre d’arte di interesse nazionale.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

Il castello di Copertino

CASTELLO DI COPERTINO

Piazza Castello – Copertino

Situato nel cuore del tessuto urbano di Copertino, a circa 18 km da Lecce, il castello è stato dichiarato monumento nazionale nel 1886 e sottoposto alle norme di tutela nel 1955. La struttura si sviluppa attorno a un cortile di forma quadrata con bastioni a lancia nei quattro angoli.

Costruito probabilmente in epoca normanna, il castello ha la classica forma a stella delle fortificazioni del XVI secolo. Ancora oggi il mastio è circondato da un fossato lungo tutto il suo perimetro, mentre l’accesso è consentito tramite un ponte in pietra, inesistente nel periodo in cui il castello aveva funzione difensiva.

Sulla sinistra sorge il porticato Pinelli-Pignatelli, mentre sulla destra è presente la cappella di San Marco, interamente affrescata dal pittore manierista Gianserio Strafella su incarico della famiglia genovese degli Squarciafico, che avevano acquistato il castello nel 1557.

All’interno, negli ambienti residenziali cinquecenteschi, è presente la cappella gentilizia dedicata a Santa Maria Maddalena, con affreschi del Quattrocento, rinvenuta durante i lavori di restauro.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

Il Castello De Monti a Corigliano

CASTELLO DE MONTI – CORIGLIANO D’OTRANTO

Piazza Castello, 1 – Corigliano D’Otranto

Pianta quadrangolare, torri circolari e facciata barocca: sono questi gli elementi caratteristici che rendono unico il Castello De Monti a Corigliano d’Otranto, descritto come il più bel monumento di architettura militare e feudale di inizio ‘500.

Di impianto medievale, il castello fu radicalmente ristrutturato e ampliato tra il 1514 e il 1519 da Giovan Battista de’ Monti che lo adeguò alle esigenze belliche del tempo con l’aiuto delle maestranze locali. Circondato da un fossato, il maniero si sviluppa su una pianta quadrata ai cui angoli si innestano quattro torrioni circolari.

Roccaforte difensiva, il castello è stato destinato agli usi più svariati nel corso degli anni: da frantoio a sede della Guardia di Finanza, da abitazione privata a mulino. Oggi è ancora visitabile ed è sede di numerosi eventi culturali e mostre.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

CASTELLO SVEVO DI ORIA

Via Castello – 72024 Oria

Il Castello Svevo a Oria

A metà strada tra Brindisi e Taranto, il Castello Svevo di Oria, costruito sul pendio di una collina, fu edificato tra il 1225 e il 1233 per volere di Federico II. Nel corso dei secoli, il maniero è stata la residenza di principi, cavalieri e nobili.

Di planimetria triangolare, il castello si caratterizza per le tre torri rispettivamente definite Quadrata, Del cavaliere e Del Salto: la prima è di matrice federiciana, mentre le altre due sono state costruite sotto la dominazione angioina.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

CASTEL DEL MONTE

Strada Statale 170, 76123 Località Castel Del Monte, Andria BT

È la fortezza più famosa della Puglia, con alle spalle una storia misteriosa e affascinante. Fatto costruire nel XIII secolo da Federico II di Svevia, noto come Stupor Mundi, per la sua immensa cultura, Castel Del Monte sorge a 18 km dalla città di Andria, sulla collina di Santa Maria del Monte, a 540 metri sul livello del mare.

Castel Del Monte

Il Castello è notoriamente legato al numero otto, che rappresenta simbolicamente l’unione tra uomo e Dio e che ricorre nelle proporzioni di tutto l’edificio di pianta ottagonale, come le otto torri che si ergono a ogni vertice del poligono. Il castello rispetta la forma anche nel cortile interno.

Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO dal 1996, la fortezza è stata in passato utilizzata come osservatorio astronomico o imponente maniero di caccia. Le sue mura ospitarono le nozze di Violante, figlia di Federico II e Bianca Lancia. Dopo secoli di abbandono e riutilizzo come ricovero e carcere, fu restaurato nel 1879.

ABBAZIA DI SANTA MARIA A CERRATE

SP100 km 5.900, 100

Situata sulla strada provinciale che collega Squinzano a Casalabate, a circa 15 km a nord di Lecce, l’Abbazia è uno dei più significativi esempi di Romanico otrantino.

Santa Maria a Cerrate

Gestito dal FAI, Fondo Ambiente Italiano, dal 2012, il sito fu fondato, secondo la leggenda, alla fine del XII secolo da Tancredi d’Altavilla, conte di Lecce, in seguito all’apparizione della Madonna, fra le corna di un cervo, da cui il toponimo (Cerrate o Cervate).

La località è stata un importante polo religioso e culturale fino al Cinquecento.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

BASILICA DI SANTA CATERINA D’ALESSANDRIA – GALATINA

Via Raimondello Orsini – Galatina

È uno dei più famosi monumenti dell’arte romanica pugliese e gotica in Puglia e si trova nel centro storico di Galatina (circa 24 km a sud di Lecce).

Santa Caterina D’Alessandria in Galatina

La Basilica, fatta costruire dalla famiglia Orsini Del Balzo, è una commistione fra gli stili Romanico e Gotico ed è fra gli esempi più caratteristici dell’Italia meridionale, per la sua architettura e per i suoi affreschi.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

SANTA CROCE – LECCE

Via Umberto I, 3 – Lecce

È l’incarnazione più espressiva del barocco leccese, grazie soprattutto alla ricchezza decorativa della sua facciata. Chiesa conventuale dei padri celestini, la Basilica di Santa Croce fu eretta a partire dal 1549, ma ci volle un secolo per completarla, nel 1646, per mano dei tre architetti Riccardi, Penna e Zimbalo.

La Basilica di Santa Croce a Lecce

A croce latina, la chiesa presenta tre navate di uguale larghezza. La copertura delle navate laterali è a volte a crociera, mentre quella della navata centrale ha un ricco cassettone. Una cupola alta e luminosa è situata all’incrocio dei bracci.

BORGHI

Chi incarna alla perfezione lo spirito del flâneur resterà certamente incantato dalla bellezza architettonica di Lecce e dei piccoli borghi salentini. Qui ne segnaliamo solo alcuni, fra i più belli, in cui è piacevole perdersi in lunghe passeggiate. Buon tour!

LECCE

Nota come la “Capitale del Barocco” per le numerose chiese, Lecce, con i suoi 95.000 abitanti, è senz’altro il centro più importante da cui partire per il tour nel Salento.

Il centro storico è caratterizzato dalle eleganti chiese in stile Barocco e dagli edifici costruiti in pietra leccese.  Fra i monumenti da visitare, da non perdere Piazza Sant’Oronzo con il suo “Sedile” e la colonna con la statua del Santo Patrono che dà il nome alla piazza, l’anfiteatro romano, la (già citata) chiesa di Santa Croce e il Duomo.

OTRANTO

Uno dei coloratissimi vicoli di Otranto

Perdersi fra i vicoli colorati e ornati dalle botteghe artigianali è fra le attività più piacevoli da fare a Otranto, piccolo gioiello che sorge nella punta più a est della sponda adriatica.

Oltre ai numerosi bar, ristoranti e negozi fra cui passeggiare per lo shopping, sono da non perdere: il Castello Aragonese, sede di importanti esposizioni d’arte (descritto sopra); la Cattedrale di Santa Maria Annunziata, con il suo mosaico pavimentale risalente alla metà del XII secolo; la cappella dedicata ai martiri di Otranto, in cui sono conservate le ossa di coloro che morirono nel massacro per mano dei Turchi nel 1480.

BORGO DI SPECCHIA

Specchia

Piccolo gioiello situato fra mare e collina, il borgo di Specchia sorge a 130 metri sul livello del mare, a circa 50 km a sud di Lecce. Il centro storico, pieno di viuzze e muretti a secco, è di chiara impronta medievale

Nella parte più alta, in Piazza del Popolo, si affacciano i più eleganti palazzi della cittadina: Palazzo Risolo, la Chiesa madre e il Palazzo Baronale Ripa. Nel 2013 Specchia ha ricevuto il riconoscimento come “Gioiello d’Italia“.

Per alloggiare nei dintorni >> GUARDA qui

 

www.casesalento.com

www.villesalento.it

info@villesalento.it

328/4617633

How to prepare traditional Salento’s dishes, the recipe of “li Muersi”

24 Nov

It is a dish with an ancient tradition but you can still find it on the tables of Salento’s families or in the menu of  “sagre” throughout Salento. This dish is able to conjugate the flavor of vegetables to the genuineness of legumes thanks to the pieces of fried bread, that give the name to the dish. Here is the recipe!

To find out other typical dishes of Salento, look at the following link! Continua a leggere

Come preparare i piatti della tradizione salentina, la ricetta de “li Muersi”

24 Nov

È un piatto dalla tradizione antica ma che si trova ancora oggi sulle tavole salentine ed è pietanza fissa nel menu delle sagre per tutto il Salento. “Li muersi” coniugano il sapore delle verdure alla genuinità dei legumi grazie agli immancabili tocchetti di pane fritto che danno il nome al piatto. Ecco la ricetta!

Per conoscere gli altri piatti tipici del Salento, guardate il seguente link utile!

MUERSI

Ingredienti per 4 persone:

500gr cime di rape/cicorie

250gr piselli secchi

Pane di grano

Olio

Sale

1 cipolla piccola

1 spicchio di aglio

Mettete in ammollo con 2 cucchiai di sale i piselli dalla sera prima poi sciacquateli e lessateli in abbondante acqua, la cipolla, l’aglio, il prezzemolo per un’ora e mezzo.

In un’altra pentola lessate la verdura. Nel frattempo, tagliate a tocchetti (muersi) il pane e disponetelo in un tegame antiaderente con il fondo coperto di olio. Tostatelo fino a che non diventa dorato e croccante. Versate sul pane caldo i legumi ben scaldati e la verdura lessa e scolata. Mescolate tutto e servite con un cucchiaio di olio di extravergine a crudo. Quanta bontà!

Per provare la ricetta e imparare dal vivo i consigli dello chef non vi resta che venire in vacanza in una delle nostre ville e prenotare un’esperienza culinaria con lo chef a domicilio.

Per tutte le info:

www.casesalento.com

www.villesalento.it

info@villesalento.it

328/4617633

Pasta fresca, pasta fritta e legumi: ecco come si preparano i “Ciceri e tria”

17 Nov

Un primo della tradizione salentina è il piatto “Ciceri e tria”, fatti con pasta fresca e ceci e con una parte di pasta fritta che aggiunge golosità al piatto.

Per conoscere gli altri piatti tipici del Salento, guardate il seguente link utile!

CICERI E TRIA

Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta fresca:

165 gr di acqua (a temperatura ambiente)

150 gr di farina 00

150 gr di semola di grano duro rimacinata

1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva

Per i ceci:

150 gr di ceci secchi

80 gr di cipolle bianche

2 spicchi d’aglio

3 rametti di rosmarino

1 peperoncino fresco

Olio extravergine d’oliva q.b.

3 foglie di alloro

350 gr di brodo vegetale

250 ml di olio di semi

Sale fino q.b.

Mettete in ammollo i ceci la sera prima e preparate il brodo vegetale; poi tritate la cipolla finemente. Intanto, in un tegame capiente versate l’olio e due spicchi di aglio interi sbucciati che poi toglierete quando ben rosolati. Versate la cipolla tritata e fatela appassire a fuoco basso aggiungendo dell’acqua o del brodo vegetale. Dopo 10 minuti, unite il peperoncino tritato, il rosmarino e l’alloro.

Scolate i ceci e versateli nel tegame e lasciateli cuocere coperti con coperchio per circa 2 ore, aggiungendo brodo vegetale poco a poco.

Preparate la pasta fresca setacciando in una ciotola la farina “00” e la semola rimacinata, poi versate poco a poco l’acqua a temperatura ambiente e l’olio d’oliva e impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo, da avvolgere in pellicola e far riposare per almeno 30 minuti a temperatura ambiente.

Successivamente, stendete l’impasto fino a creare una sfoglia di 2-3 mm da cui realizzare delle tagliatelle da dividere in pezzi di 8-9 cm di lunghezza a cui darete una forma a spirale e lasciate seccare per almeno 2 ore. In un tegame portate alla temperatura di 170° l’olio di semi nel quale friggerete il 40% della pasta essiccata. Quando i pezzi fritti saranno ben dorati, scolateli. Intanto lessate la pasta per 1 minuto circa e poi unitela ai ceci cotti nel tegame.

Impiattate la pasta e ceci, guarnendo con la tria fritta. Il risultato è un  successo garantito!

Per provare la ricetta e imparare dal vivo i consigli dello chef non vi resta che venire in vacanza in una delle nostre ville e prenotare un’esperienza culinaria con lo chef a domicilio.

Per tutte le info:

www.casesalento.com

www.villesalento.it

info@villesalento.it

328/4617633

Fresh pasta, fried pasta and legumes, here’s how to prepare “Ciceri e tria”

17 Nov

“Ciceri e tria” is one of the famous first courses of Salento tradition. The dish is a combine of fresh pasta, fried pasta and chickpeas.

To find out other typical dishes of Salento, look at the following link! Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: