Tag Archives: villa con piscina

Vacanze 2021, ville con piscina le soluzioni più cercate. Scegli quella che fa per te!

9 Gen
Villa code m990

Pulizia, privacy, pace: le tre P che faranno tendenza nelle vacanze 2021! Anche per la prossima stagione, gli italiani sceglieranno un posto che garantisca un elevato standard di pulizia e di igienizzazione degli ambienti, uno spazio riservato, al riparo dalla frenesia del ritmo cittadino, e una location che assicuri tranquillità e comodità. Le ville con piscina sono le soluzioni ideali per non rinunciare alle vostre vacanze!

“I tempi stanno cambiando” cantava Bob Dylan nel 1964, affermazione quanto mai attuale anche in questo periodo, almeno per il settore turistico. I requisiti per scegliere una soluzione adatta alle proprie vacanze stanno mutando rispetto alle tendenze degli ultimi anni.

Villa code m900

Soggiorni più lunghi, in luoghi che abbiano pochi spazi in comune e che garantiscano una certa tranquillità, con particolare attenzione alla pulizia degli ambienti. Il trend della vacanza 2021 sarà ancora la scelta di residenze ad uso esclusivo per la propria famiglia o per la ristretta cerchia con cui si è scelto di andare in vacanza.

Villa code m595

Le ville con piscina sono la soluzione che meglio incarna tutti i “must” per un soggiorno indimenticabile. Si tratta infatti di residenze bellissime che coniugano al fascino degli ambienti la sicurezza degli spazi.

Villa code m780

Meticolosamente igienizzate, con uso esclusivo della piscina e con esterni di dimensioni considerevoli (spesso sono giardini o vere e proprie campagne sterminate), le ville con piscina sono un ideale microcosmo, perfettamente autosufficiente, per chi vuole staccare dalla routine senza correre alcun rischio. 

Villa code m770

L’area relax a bordo piscina è l’ideale per prendere il sole, mentre la veranda coperta, al riparo dalla calura del sole estivo, vi concederà dei momenti di assoluto relax per pranzi e cene all’aperto oppure semplicemente per leggere un libro. Il giardino che abbraccia la villa è la location ideale per lunghe passeggiate o corsette mattutine.

Villa code m590

Da Lecce al basso Salento, tutte ad appena pochi minuti d’auto dalle spiagge più famose, sia di sabbia sia rocciose, ce n’è per tutti i gusti. Scegliete la villa che fa per voi, qui:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Salento meta di pellegrinaggio: scopriamo il Santuario dei Santi Medici a Oria

12 Gen

Il Salento come terra di pellegrinaggio è un aspetto che in pochi conoscono. Che siate fedeli devoti o che siate interessati a conoscere ogni volto di questa suggestiva terra, vi consigliamo di continuare la lettura.

In provincia di Brindisi, sorge il santuario più antico e più famoso del Salento: quello di San Cosimo alla Macchia, dedicato al culto dei Santi Medici, compatroni di Oria.

Situato in aperta campagna, a circa 5 km da Oria, il santuario custodisce le reliquie dei due santi ed è per questo motivo meta di pellegrinaggio da tutta la Puglia e non solo.

LE ORGINI

Il Santuario sorge in una zona incolta, fuori dal centro abitato, e quindi nella “macchia” mediterranea, caratteristica da cui ha ereditato il nome. Il complesso monumentale nasce sulle spoglie di una chiesetta fondata dai monaci basiliani nel IX secolo. Il complesso era originariamente collegato a un villaggio medievale oggi scomparso.

IL SANTUARIO OGGI

La chiesetta ha subìto profonde trasformazioni nel corso dei secoli fino a diventare oggi un centro dotato di strutture e servizi in grado di rispondere alle esigenze dei fedeli.

I santi medici

L’attuale edificio presenta elementi strutturali e decorativi introdotti dal XVIII al XX secolo. Il santuario, dall’aspetto sobrio, è circondato dal verde e dal raffinato porticato per le celebrazioni all’aperto. Sulla sommità del timpano che corona la facciata si può ammirare la statua del Cristo Redentore, eseguita dall’artista leccese Luigi Guacci.

All’interno, si ritrovano i numerosi ex voto e una sala dedicata al museo etnografico, con una selezione di oggetti che raccontano tre secoli di storia salentina e della tradizione contadina.

Nelle vicinanze della chiesa, sorgono la Curia vescovile che ospita il seminario, una chiesa all’aperto per le celebrazioni del periodo estivo-primaverile e un parcheggio enorme con centinaia di palme.

IL CULTO

Le celebrazioni principali dell’anno si tengono nella quinta settimana dopo Pasqua, il giovedì in cui ricorrono le cosiddette “Pirdunanzi”.

In alcuni paesi del Salento, nel passato, si era soliti prepararsi al pellegrinaggio in vista della festa di San Cosimo, organizzandosi in gruppi: chi andava a piedi, partendo in nottata, chi, disponendo di tràini o calessi, partiva la mattina presto. Dopo la messa si visitava il mercato-fiera per acquistare oggetti tipici.

VISITA

Se siete in visita al Santuario o se state pianificando una vacanza al mare e non volete perdervi una gita per vedere uno dei luoghi di culto più importanti del Salento, vi consigliamo di soggiornare in questa splendida villa con piscina, dotata di ogni comfort e ideale per ospitare due famiglie o un gruppo di amici.

La villa code m215 a Oria per fantastici soggiorni nei pressi del Santuario

Per info:

www.casesalento.com

www.villesalento.it

info@villesalento.it

328/4617633

Tesori nascosti del Salento: a Galatina la chiesa di Santa Maria Della Porta

6 Mar

Lontano dal centro abitato, in contrada Pisanello, fra i comuni di Sogliano, Galatina e Noha, sorge un tesoro dell’antichità che in pochissimi conoscono. Si tratta della chiesa di Santa Maria Della Porta, prezioso gioiello che nasce dalle ceneri di una cripta appartenuta a un antico insediamento bizantino, le cui origini risalgono al Medio Evo.

Quella che si intravede dalla strada, seminascosta, è una cupola a tutto sesto, sormontata da un tamburo. L’intero capolavoro si trova qualche metro sotto il livello stradale.

La cupola della chiesa di Santa Maria Della Porta vista dall’alto

LA STORIA E LA LEGGENDA

La chiesa, scavata nella roccia, sorgerebbe sui resti di un’antica cripta appartenuta ai monaci basiliani. Intorno all’anno mille, quel luogo sacro rappresentava, probabilmente, il polo attrattivo di tutta la cristianità locale.

Non solo. La leggenda narra che da lì passò il Santo pescatore Pietro mentre attraversava il Salento nel suo viaggio verso il luogo del martirio. Secondo la tradizione, proprio San Pietro, stanco del viaggio, si riposò lì, su un grosso masso.

L’edicola votiva dedicata a San Pietro

«Nel 1665 “questa” pietra venne solennemente prelevata dal vescovo Gabriel Adarzo e portata in Chiesa Madre e a ricordo di quell’evento venne eretta, come si racconta, una colonna. Ora vi è un’edicola votiva con l’iconografia tipica con cui viene raffigurato Pietro e riportante alla base la seguente dicitura latina – “Hic S. Petri defessi levamen 1665”». Così si legge nel blog di Massimo Negro, autore di un accurato articolo con relative foto che mostrano il sito in ogni suo dettaglio.

Rimasta interrata per secoli, la chiesa di Santa Maria Della Porta è un ritrovamento del XIX secolo e sorge a circa cinque metri sotto il livello stradale.

UN GIOIELLO QUASI INTATTO

Un tesoro nascosto, dunque, che continua a preservare in parte la sua bellezza. «Vi si accede – racconta Massimo Negro – grazie un ampio cunicolo gradonato scavato nella roccia che porta all’interno dell’incavo. A destra e a sinistra del cunicolo di accesso si aprono due stanze scavate nella roccia. Lungo tre dei quattro lati, la roccia è stata incisa in profondità andando a formare un chiostro che conduce, percorrendo il perimetro dell’incavo, verso la chiesa».

IL CHIOSTRO

Il pavimento del chiostro è costituito da uno splendido mosaico rimasto ancora sostanzialmente intatto e arricchito da «motivi floreali con una piccola vasca d’acqua, decorata con conchiglie. Qui, il corridoio si allarga e lungo la parete semicircolare vi sono tre sedili, con quello centrale decorato anch’esso con conchiglie. A completare la scena un piccolo, Ninfeo».

Questo slideshow richiede JavaScript.

LA CHIESA

Giunti davanti alla chiesa, si nota un ingresso semplice, «impreziosito alla sua base da un bellissimo mosaico che raffigura un leone accovacciato con il capo rialzato a guardare chi vi accede».

La chiesa, costruita in muratura, si presenta a pianta circolare con un unico altare in pietra. «Non è addossata alla roccia, ma vi è un’intercapedine larga poco meno di metro che corre lungo l’emiciclo scavato nella roccia e ricoperto esternamente da una copertura in “chianche” chiaramente visibile sia dall’interno che dall’esterno».

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli interni sono molto semplici e spartani. Anche il pavimento della chiesa conserva un mosaico quasi intatto con motivi decorativi composti da un intreccio di linee e di curve con al centro il simbolo dell’Ave Maria. Non vi è traccia di affreschi o altre decorazioni a parete. Molto suggestiva, però, è la cupola con volta stellata.

IL GIARDINO

Sulla sinistra, vi è una porta da cui si accede a una scala in mattoni che conduce all’esterno, ai bordi della cupola. Da non perdere, all’esterno della chiesa, il giardino di delizie, con da alberi di arancio e altri frutti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

«Lungo questo sentiero – si apprende sempre dal blog di Massimo Negro – era presente un tempo un colonnato di cui rimangono, come uniche tracce, i basamenti delle colonne in pietra leccese; purtroppo le colonne sono state nel tempo trafugate».

COME FARE A VISITARLA

Se siete appassionati di storia dell’arte o se, più semplicemente, vi piace viaggiare alla scoperta di nuove meraviglie, non vi resta che soggiornare per le vostre vacanze nella fantastica villa con piscina che sorge a pochi passi dalla chiesa di Santa Maria Della Porta.

Da lì, potrete visitare i resti dell’antico insediamento, godere della tranquillità delle campagne salentine e raggiungere il mare in pochi minuti d’auto.

Un dettaglio della villa con piscina a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria Della Porta

Situata nell’entroterra di Galatina (LE), la maestosa dimora ottocentesca, con pregiati arredi e finiture, vi farà immergere in atmosfere eleganti e signorili.

Con 5 le camere da letto, 6 bagni e 3 soggiorni, la villa può ospitare famiglie o gruppi di amici fino a 12 persone. La piscina a sfioro, il parco esterno di circa 20000 mq e i numerosi comfort vi regaleranno un incantevole soggiorno.

Per scoprire di più e per guardare l’intera fotogallery clicca qui:

http://www.villesalento.it/index.html#/Villa/Affitto/m800

Per info contattaci:

www.villesalento.it

info@villesalento.it

328/4617633

 

Photo credits: Massimo Negro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: