Tag Archives: griko

Discovering Grecìa Salentina: Calimera

10 Lug
Mother Church in Calimera

A small town in the Grecìa Salentina, Calimera is one of the municipalities where grìko, a local dialect of Greek derivation, is still spoken. The town, with about 6 thousand inhabitants, is 16 km far from Lecce.

Among the beauties to visit in Calimera, we point out the baroque Mother Church dedicated to San Brizio with an unusual painting of the Madonna della Misericordia in which the Virgin is depicted during pregnancy; a few steps away there is the House Museum of Peasant Civilization and Grika Culture. Outside the city, immersed in the woods, there is the Natural History Museum of Salento which is also a recovery center for wildlife and sea turtles.

S. Vito church in Calimera

Typical of the place is the ritual that is practiced on Easter Monday in the church of S. Vito with the passage in the “stone of fertility”, a monolith with a hole that is crossed as a sign of rebirth.

The debate on the origin of the name is controversial and according to an interpretation it derives from the Greek Καλημέρα (Kalimèra), which means good morning or, according to some scholars, beautiful district (καλλά μερέα, kallá meréa).

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice.

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Alla scoperta della Grecìa Salentina: Calimera

9 Lug
Chiesa Madre a Calimera

Piccolo centro della Grecìa Salentina, Calimera è uno dei comuni in cui si parla ancora il grìko, dialetto locale di derivazione greca. Il comune, con circa 6mila abitanti, dista da Lecce 16 km.

Fra le bellezze da visitare di Calimera, vi segnaliamo la Chiesa Madre barocca dedicata a San Brizio con un insolito dipinto della Madonna della Misericordia in cui la Vergine è raffigurata durante la gravidanza; a pochi passi c’è la Casa Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Grika. Fuori porta, immerso nel bosco, c’è il Museo di Storia Naturale del Salento che è anche centro recupero per la fauna selvatica e le tartarughe marine.

chiesa di San Vito a Calimera

Tipico del posto il rito che si pratica a Pasquetta nella chiesetta di S. Vito col passaggio nella “pietra della fertilità”, un monolite con un foro che viene attraversato in segno di rinascita. 

Il dibattito sull’origine del nome è controverso e secondo un’interpretazione deriverebbe dal greco Καλημέρα (Kalimèra), che significa buon giorno o, secondo alcuni studiosi, bella contrada (καλλά μερέα, kallá meréa).

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Discovering Grecìa Salentina: Sternatìa

3 Lug
complesso dei Domenicani a Sternatìa

With just over 2,000 inhabitants, Sternatìa is part of the Hellenistic area of Grecìa Salentina where grìko is still preserved today as an idiom, evidence of the influence of ancient Greece. The village is about 16 km from Lecce.

Porta Filìa a Sternatìa

To discover the village of Sternatìa, you have to stop at the former Dominican Convent, now the seat of the Municipality, at the Mother Church dedicated to San Giorgio and the hypogeum oil mill from the 1500s, near Porta Filìa, with Calabrian-style millstone and presses. Do not miss the 600-year-old olive tree that you encounter along the way.

The origin of the name is probably Greek and derives from “sterna” that is cistern, as evidenced by the presence on site of four large cisterns.

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice.

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Alla scoperta della Grecìa Salentina: Sternatìa

2 Lug
Complesso dei Domenicani a Sternatìa

Comune di poco più di 2000 abitanti, Sternatìa fa parte dell’area ellenofona della Grecìa Salentina dove ancora oggi viene conservato il grìko come idioma, testimonianza dell’influenza dell’antica Grecia. Il borgo dista poco più di 16 km da Lecce.

Per scoprire il borgo di Sternatìa bisogna fare tappa all’ex Convento dei Domenicani, oggi sede del Comune, alla Chiesa Matrice dedicata a San Giorgio e al frantoio ipogeo del ‘500, nei pressi di Porta Filìa, con macina e torchi alla calabrese. Da non perdere l’ulivo di 600 anni che si incontra durante il percorso.

Porta Filìa a Sternatìa

L’origine del nome è probabilmente greca e deriva da “sterna” ossia cisterna, com’è dimostrato dalla presenza in loco di quattro grandi cisterne.

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Discovering Grecìa Salentina: Martano

26 Giu
Piazza dei Caduti, Martano

Martano is the most populous town (more than 8 thousand inhabitants) and the capital of the Grecìa Salentina, an area of influence of ancient Greece, where the dialect of Grìko is still spoken.

Monastero dei Cistercensi, Martano

The town, inhabited since prehistoric times, preserves ancient testimonies thanks to the Menhir del Teofilo, the highest in the region. The historic center, very suggestive, is called Borgo Terra with alleys, squares and courtyard houses. The palaces from the fifteenth to the nineteenth century are beautiful, including the Baronial one, once the Aragonese Castle, the Maria SS. Assunta, the former Dominican Convent, seat of the Town Hall and the seventeenth-century Cistercian Monastery of Santa Maria della Consolazione with the rich library, the picture gallery and the liqueur shop.

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice.

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Alla scoperta della Grecìa Salentina: Martano

25 Giu
Piazza dei Caduti a Martano

Martano è il comune più popoloso (più di 8mila abitanti) e capoluogo della Grecìa Salentina, area di influenza dell’antica Grecia, in cui si parla ancora l’antico dialetto del grìko

monastero cistercense Martano

Il comune, abitato fin dalla preistoria, conserva testimonianze antichissime grazie al Menhir del Teofilo, il più alto della regione. Il centro storico, molto suggestivo, è detto Borgo Terra con vicoli, piazzette e case a corte. Bellissimi i palazzi dal XV al XIX secolo, tra cui quello Baronale un tempo Castello Aragonese, la Chiesa Maria SS. Assunta, l’ex Convento dei Domenicani, sede del Municipio e il seicentesco Monastero Cistercense di Santa Maria della Consolazione con la ricca biblioteca, la pinacoteca e la liquoreria.

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Discovering Grecìa Salentina: Carpignano Salentino

19 Giu
Carpignano Salentino, palace

With more than 3600 inhabitants, Carpignano Salentino is part of the territory of Grecìa Salentina which still retains the ancient dialect known as grìko. About 25 km from Lecce, the town is about ten minutes from the Adriatic coast, whose nearest seaside resort is Sant’Andrea.

Inhabited since ancient times, Carpignano Salentino preserves the ancient testimonies thanks to the presence of some menhirs: the Grassi menhir and the Croce Grande or Staurotomèa menhir (in Greek Σταυροτομέα).

Carpignano Salentino, detail

From Piazza Duca d’Aosta you enter the alleys and discover the ancient Giudecca enclosed by medieval walls with hanging gardens, 15th century houses, sixteenth-century balconies, the Mother Church and the Ducal Palace. To visit is the underground oil mill and the crypt of S. Cristina from the IX-X century, a masterpiece with ancient frescoes and inscriptions in Greek.

The name of the town derives from that of the Roman centurion Carpinius, but the thesis of a Messapian derivation of the root karp (“stone”, “rock”), for which Carpignano would mean “place placed on a hill”, is equally credited.

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice.

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Alla scoperta della Grecìa Salentina: Carpignano Salentino

18 Giu
Carpignano Salentino, facciata palazzo

Con più di 3600 abitanti, Carpignano Salentino fa parte del territorio della Grecìa Salentina che conserva ancora l’antico dialetto conosciuto come grìko. A circa 25 km da Lecce, il comune dista una decina di minuti dalla costa adriatica, la cui località marina più vicina è la splendida Sant’Andrea.

Abitato fin dai tempi più remoti, Carpignano Salentino conserva le antiche testimonianze grazie alla presenza di alcuni menhir: il menhir Grassi e il menhir Croce Grande o Staurotomèa (in greco Σταυροτομέα). 

Carpignano Salentino, dettaglio

Da piazza Duca d’Aosta si entra nei vicoletti e si scopre l’antica Giudecca racchiusa da mura medievali con i giardini pensili, le case del ‘400, i balconi cinquecenteschi, la Chiesa Madre e il Palazzo Ducale. Da visitare è il frantoio ipogeo e la cripta di S. Cristina del IX-X secolo, un capolavoro con affreschi antichissimi e iscrizioni in greco. 

Il nome del paese deriverebbe da quello del centurione romano Carpinius, ma altrettanto accreditata è la tesi di una derivazione messapica della radice karp (“pietra”, “roccia”), per cui Carpignano significherebbe “luogo posto su un’altura”.

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

Discovering Grecìa Salentina: Castrignano Dei Greci

12 Giu
Castrignano Dei Greci

With about 4000 inhabitants, the town of Castrignano dei Greci is about 25 km from Lecce and just 18 km from Otranto. It is one of the municipalities of Grecìa Salentina, where the ancient language of griko is spoken.

To visit the Baronial Palace De ‘Gualtieris, originally a medieval fortress, which became a noble residence in the 16th century. The palace houses the small Museum of Hand Embroidery and Lace in the courtyard: two rooms full of lace and precious embroideries from the nineteenth century to the second postwar period, coal-fired irons, embroidery tools and antique looms.

Campanile, Castrignano Dei Greci

The toponym may derive from the Latin word “castrum”. In fact, with the Roman conquest of the Salento peninsula, which ended around 260 BC, the Romans established a military camp (Praesidium Castrinianum). Another hypothesis would derive the name from Castrinius, the Roman centurion to whom the territory was entrusted. The etymology could also lead to the Greek word Κάστρον (Kástron) which means castle.

If you don’t know where to sleep in Salento, here you will find some useful advice.

holiday houses -> www.casesalento.com

Holiday luxury villas -> www.villesalento.it

email -> info@villesalento.it

Mobile Phones -> (+39) 366/2604050 – (+39) 392/0202233

Alla scoperta della Grecìa Salentina: Castrignano Dei Greci

11 Giu
Castrignano Dei Greci

Con circa 4000 abitanti, il comune di Castrignano dei Greci dista circa 25 km da Lecce e si trova ad appena 18 km da Otranto. E’ uno dei comuni della Grecìa Salentina, in cui si parla l’antico idioma del griko.

Da visitare il Palazzo Baronale De’ Gualtieris, in origine fortezza medievale, divenuto nel XVI secolo residenza nobiliare. Il Palazzo ospita nel cortile il piccolo Museo del Ricamo a Mano e dei Pizzi e dei Merletti: due stanze piene di trine e ricami preziosi dall’Ottocento al secondo dopoguerra, ferri da stiro a carbone, attrezzi da ricamo e telai antichi.

Campanile, Castrignano Dei Greci

Il toponimo potrebbe derivare dalla parola latina “castrum”. Infatti, con la conquista romana della penisola salentina, conclusasi intorno al 260 a.C., i Romani insediarono un accampamento militare (Praesidium Castrinianum). Un’altra ipotesi farebbe derivare il nome da Castrinius, il centurione romano al quale fu affidato il territorio. L’etimologia potrebbe anche ricondurre al vocabolo greco Κάστρον (Kástron) che significa castello.

Qui troverete qualche consiglio utile su dove dormire nel Salento:

sito web case vacanza–> www.casesalento.com

Sito ville di pregio per vacanze –> www.villesalento.it

email –> info@villesalento.it

Cellulari –> (+39) 392/0202233 – (+39) 328/4617633

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: